La riforma dell’Università non passa… Gelmini dimettiti!

17 ottobre 2010 | Categoria: Ateneo

 

La riforma dell’Università non passa dal Parlamento… ora chiediamo le dimissioni del Ministro Gelmini!

Il DDL Gelmini, calendarizzato per lo scorso 14 Ottobre alla discussione della Camera, non approda alla discussione Parlamentare e anche il Governo torna sui suoi passi!

All’ interno del presidio tenutosi sotto Montecitorio proprio il 14 Ottobre si è svolta un’ Assemblea partecipata da studenti, docenti e ricercatori che alla notizia della mancata approvazione del DDL Gelmini ha rilanciato la necessità di una riforma condivisa e non promulgata dai palazzi romani.

La motivazione del rinvio comunicata alla stampa è di natura tecnica in quanto mancava il parere della Commissione Bilancio, ma le tensioni interne alla maggioranza di Governo, la mobilitazione nazionale e l'indisponibilità dei Ricercatori hanno giocato un ruolo fondamentale.

Difatti il DDL è al momento fermo in parlamento e dato che ora inizierà la sessione di Bilancio, nella quale il Governo dovrà approvare la Finanziaria, auspichiamo che la Riforma Gelmini cada nel dimenticatoio

Naturalmente questo è un risultato importante per tutti gli studenti ma non abbiamo nessuna intenzione di fermarci.

Rilanciamo per tanto la necessità di proseguire con le Assemblee e l'informazione perché le nostre ragioni vadano oltre il semplice ritiro del DDL e si arrivi alle dimissioni del Ministro.

Un Ministro abbandonato da Tremonti, reale commissario del Ministero dell’Università, che rimane l’unico sostenitore di un progetto di riforma che nessuno vuole non può essere in grado di governare e rappresentare il mondo accademico.

Il 14 Ottobre è stato un primo passo importante per il ritiro definitivo del DDL… ora chiediamo al Governo di ascoltare la voce reale degli studenti e di chi vive l’Università!

 

Share

Dai un voto a questo articolo:

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: , ,

2 Commenti
Lascia un commento »

  1. propecia online – propecia no rx

  2. propecia cost – propecia cost

Lascia un commento

Devi essere logged in per poter commentare.