Chi, Come, Quando...

Quando si vota?

  • Si vota Mercoledì 14 e Giovedì 15 Maggio 2014. In ogni Facoltà ci sarà un seggio e per votare sarà necessario un documento di riconoscimento o il libretto universitario.

  • Chi può votare?

    L’elettorato attivo è riservato A TUTTI GLI STUDENTI che al momento delle elezioni siano regolarmente iscritti, in corso o fuori corso.

  • Per cosa si vota?

    Con le prossime elezioni si rinnoveranno le rappresentanze studentesche, ovvero sarete chiamati a scegliere coloro che dovranno portare negli organi competenti di Facoltà e di Ateneo i problemi degli studenti e le proposte per risolverli e porsi a difesa dei diritti che ci spettano in qualità di studenti universitari.

Organi di Rappresentanza

  • Consiglio Studentesco

    E' un vero e proprio parlamento degli studenti ed esprime pareri su tutto ciò che è di loro interesse. Può risultare davvero utile per tutelare i nostri diritti, migliorare la vita universitaria a 360 gradi ed è un importante strumento di incontro tra le proposte degli studenti e gli organi centrali di governo dell’Università. Ormai da più di otto anni la Lista Gulliver detiene la maggioranza e la presidenza di tale organo ed è stato luogo delle più importanti battaglie che abbiamo portato avanti e vinto!

  • Consigli di Dipartimento

    I consigli di dipartimento, rinnovati dopo la Riforma Gelmini, non hanno più soltanto competenze in materia di Ricerca, ma anche le competenze in materia di Didattica. Ad esempio procedono annualmente alla programmazione dell’offerta formativa, hanno una funzione di controllo sul lavoro dei docenti e la responsabilità sulla gestione delle strutture (spazi studio, dipartimenti, aule). Anche nei Consigli di Facoltà (dove la rappresentanza studentesca è eletta indirettamente dai dipartimenti) il GULLIVER difende con tenacia e forza i diritti degli studenti.

  • Consigli Unificati dei corsi di studio (CUCS)

    riuniscono i docenti e i rappresentanti degli studenti di un singolo corso di laurea e sono molto importanti perché permettono un confronto diretto tra studenti e docenti sulle tematiche di didattica del corso: contenuto degli insegnamenti, modalità d’esame, organizzazione dei semestri, problemi con i singoli docenti e tanto altro ancora.