Programma Medicina

Il 14 e il 15 maggio si terranno le elezioni universitarie per il rinnovo dei rappresentanti degli studenti e come sempre presenteremo un nostro programma elettorale, per spiegare nel dettaglio tutte le proposte con cui intendiamo migliorare la nostra Facoltà e continuare a difendere i diritti degli studenti.

DIDATTICA

- SOVRAPPOSIZIONE DEI PROGRAMMI : i programmi dei singoli insegnamenti molto spesso non sono condivisi né elaborati con quelli affini. Negli ultimi due anni abbiamo istituito una Commissione all’interno del CdL in Medicina e Chirurgia che ha come obiettivo la revisione sistematica dei programmi in modo da garantire una formazione più ampia e dettagliata possibile, che eviti sia sovrapposizioni che lacune, mantenendo la specificità dei singoli corsi e la qualità della didattica. Ci impegneremo affinché la commissione continui il suo lavoro e che venga estesa a tutti i corsi di laurea.

-RAPPORTO CARICO DI STUDIO / CREDITI FORMATIVI : Molti insegnamenti hanno un carico didattico molto sproporzionato rispetto al numero di crediti loro assegnato. Chiediamo che venga preso in considerazione il reale carico didattico: in questo modo si porrebbe fine a quel meccanismo viziato secondo cui gli studenti si trovano costretti a saltare le lezioni per poter studiare e di conseguenza quest’ultime assumerebbero un valore aggiunto nel percorso formativo dello studente.

-QUESTIONARI DI VALUTAZIONE: I questionari di valutazione sono uno strumento importantissimo messo a disposizione degli studenti: i loro risultati, discussi nel consiglio del corso di studio, sono utili per portare alla luce le problematiche di ogni insegnamento e a intraprendere azione correttive. Chiediamo che i questionari siano resi disponibili e facilmente reperibili da tutti e che siano i docenti stessi a informare gli studenti circa l’importanza che questi ricoprono nella valutazione della didattica, ricordando loro che sarà possibile compilarli già al 75% delle ore di lezione svolte, quindi prima dell’iscrizione all’esame. Contestualmente continueremo a batterci per l’istituzione di un secondo questionario da compilare in seguito al superamento dell’esame, per controllare effettivamente se le modalità d’esame e i criteri di valutazione siano corretti e rispettati.

-RISPETTO DEL REGOLAMENTO DIDATTICO: continueremo a vigilare affinchè il regolamento didattico venga effettivamente rispettato: infatti pratiche come il salto d’appello, la consultazione del libretto prima della verbalizzazione e la modifica della modalità d’esame, sono vietate e non devono assolutamente persistere. Per garantire la completa uguaglianza in sede d’esame chiediamo che nel libretto tradizionale venga inserito soltanto l’effettivo superamento della prova.

-APERTURA DEGLI APPELLI: una delle vittorie degli ultimi due anni è stata sicuramente l’allargamento degli appelli di maggio e dicembre a tutte le professioni sanitarie, oltre alla possibilità di effettuare esami nella sessione in cui si concludono le rispettive lezioni. Queste due grandi vittorie ci portano di fronte a nuovi obiettivi: chiediamo che anche l’appello di novembre venga esteso ai corsi triennali in modo da garantire definitivamente l’uguaglianza tra studenti della stessa facoltà, che venga favorito l’inserimento di prove in itinere e che queste vengano riconosciute come crediti acquisiti per il raggiungimento delle borse di studio.

-CORSI MONOGRAFICI: crediamo che i corsi monografici debbano essere un reale arricchimento dell’offerta didattica e non un ostacolo allo studio. Ci impegneremo perché il loro orario di lezione venga pubblicato all’inizio dell’a.a. e comunque prima della chiusura del piano di studi. Vogliamo che sia possibile frequentare i CM anche nel primo semestre e che le lezioni non siano a ridosso delle sessioni di esame. È partita una sperimentazione con l’istituzione di corsi CM pratici: questi infatti vedono lo studente partecipare in maniera interattiva all’attività didattica e quindi proponiamo di inserirne un numero maggiore all’interno dell’offerta formativa.

- ELIMINAZIONE DEI BLOCCHI DIDATTICI: Caposaldo della linea politica del Gulliver è da sempre l’opposizione ai blocchi didattici per tutti i corsi di laurea. Di fronte alla recente battaglia di eliminazione del blocco di fisiologia per il CdL di medicina e Chirurgia siamo sempre più convinti che questa sia la strada giusta da percorrere: ogni studente deve poter gestire il proprio percorso accademico in base alle proprie necessità e specificità. Ci impegniamo a far sì che vengano ridotte le propedeuticità, che comportano soltanto un allungamento del percorso formativo dello studente.


Attività formativa professionalizzante e Tirocinio

-SCELTA DELLA SEDE E SUPPORTO ALLE SPESE: una problematica molto presente è l’impossibilità dello studente di scegliere la sede in cui sostenere il tirocinio: deve essere garantita libertà di scegliere la sede, minimizzando così eventuali problemi logistici. Inoltre ci impegneremo a chiedere che venga istituito un supporto alle spese a carico dello studente, è inaccettabile che siano gli studenti a farsi carico delle spese della propria formazione.

-VALUTAZIONE DELLE SEDI DI TIROCINIO: uno dei problemi più dilaganti all’interno dei corsi di laurea è proprio quello della disparità formativa tra le diverse sedi di tirocinio all’interno di un corso. Ci impegneremo affinché i questionari di tirocinio prendano atto delle segnalazioni specifiche e divise per sedi in modo da mettere in atto azioni correttive e renderlo informatizzato sulla scia di quanto fatto, con la nostra proposta, per il corso di Medicina e Chirurgia.

- ALLARGAMENTO RETE FORMATIVA : è indispensabile continuare nell’ottica dell’istituzione di convenzioni con nuove strutture diffuse sul territorio, non solo pubbliche ma anche private, che possano accogliere gli studenti e garantire loro un’adeguata formazione. A questo deve essere necessariamente accompagnata la formazione dei tutor, con particolare attenzione verso quelli che non lavorano nell’ambiente universitario.


Gestione spazi universitari

-AMPLIAMENTO TAVOLI E ATTREZZATURE: Tra le nostre vittorie abbiamo ottenuto quest’anno che le prese elettriche dei tavoli venissero implementate al Polo Montedago; ci impegneremo affinché anche a Torrette tutte le attrezzature fuori e dentro le aule siano provviste di prese elettriche. Ci impegneremo

per chiedere che siano aumentate le postazioni per lo studio individuale, estendendo il primo piano della biblioteca e aggiungendo tavoli al piano terra e primo piano del polo Murri.

-BIBLIOTECA: ci impegneremo affinchè l’orario della biblioteca sia ulteriormente esteso e che siano installati degli armadietti da mettere a disposizione degli studenti.

-AULE I PIANO POLO EUSTACHIO: più volte in questi anni abbiamo portato alla luce il problema di condizionamento delle aule del I piano polo Eustachio: la facoltà ha proposto di destinare quelle aule a laboratori, non utilizzandole più per lo svolgimento delle lezioni. Tuttavia crediamo che il rifacimento dell’impianto di condizionamento sia la soluzione migliore e nel caso non permetteremo che gli studenti siano costretti a spostarsi in sedi distanti dal polo Torrette per seguire le lezioni.

-ATTREZZATURE LABORATORI E AULE: lo stanziamento dei soldi per il rifacimento dell’aula manichini di Odontoiatria è la dimostrazione che gli studenti attraverso i rappresentanti possono ottenere che le strutture vengano migliorate. Per questo continueremo a chiedere l’implementazione e il rifacimento delle attrezzature destinate all’attività pratica di tutti i corsi di studio: manichini per tirocinio, microscopi nuovi e funzionanti per i laboratori. Inoltre è evidente che le attrezzature delle aule siano ormai obsolete e che debbano essere al più presto sostituite.

-RACCOLTA DIFFERENZIATA: riteniamo che la mancanza di contenitori adibiti alla raccolta differenziata all’esterno dei diversi poli sia inaccettabile e ci impegneremo affinchè venga al più presto risolta.

- APERTURA EDIFICIO EX RISONANZA MAGNETICA: La nostra Facoltà dispone di questa ampia struttura semivuota, sede esclusivamente delle associazioni studentesche e di un piccolo archivio. Continueremo ad insistere affinché questi spazi siano messi a disposizione degli studenti, in modo che se ne ricavino delle sale studio, anche alla luce delle problematiche evidenziate in precedenza.


Servizi informatici e sito internet di facoltà

-MOODLE: chiediamo che la piattaforma esistente Moodle venga utilizzata per caricare tutto il materiale di supporto alle lezioni, come da Regolamento, organizzato in maniera più chiara possibile; in questo modo verrebbero meno le problematiche del reperimento di materiale didattico molto spesso disperso in più piattaforme.

-POTENZIAMENTO WIFI IN FACOLTA’: grazie al documento presentato dalla nostra lista è stato possibile stanziare molti più fondi per il potenziamento dei servizi informatici di ateneo. Vigileremo che venga potenziato il wifi in facoltà in modo da garantire una copertura completa, anche nelle sedi decentrate.

-COMUNICAZIONE AGLI STUDENTI: chiediamo che gli studenti siano tempestivamente informati su comunicazioni urgenti come spostamento lezioni, esami, cm, utilizzando gli strumenti informatici già a disposizione oppure tramite l’app UNIVPM o piattaforme alternative. Inoltre è fondamentale che le informazioni contenute nella Guida degli insegnamenti relative ai vari corsi siano pubblicate all’inizio di ogni anno accademico e non a ridosso della prima sessione d’esame

pratiche di segreteria

Chiediamo che sia ampliato il numero di sportelli e i loro orari di apertura, affinché siano accelerate le pratiche di segreteria soprattutto nei periodi di immatricolazione e consegna della tesi. Riteniamo inoltre opportuno che venga introdotto un sistema di prenotazione, che renda più efficiente la fruizione del servizio e limiti le code agli sportelli.

-SNELLIMENTO BUROCRATICO: chiediamo che vengano semplificate e accelerate pratiche burocratiche come il trasferimento a altre sedi e la convalida degli esami sostenuti, rendendo la procedura completamente on-line. Ci impegneremo inoltre affinchè le pratiche di trasferimento da altri corsi di laurea vengano agevolati in modo che l’esito della convalida degli esami non arrivi a ridosso della prima sessione d’esami utile: si potrebbe stilare una lista con tutti gli esami che vengono o non vengono convalidati, divisa per sedi, aggiornata ogni anno, in modo da permettere allo studente che si vuole trasferire di sapere in anticipo quali esami si vedrà convalidati.

-PIANO DI STUDI: questi due anni di rappresentanza ci ha visto occupati a risolvere alcuni dei numerosi problemi riguardanti la compilazione del piano di studi. Chiediamo ora la possibilità anche per gli studenti fuoricorso e ripetenti di compilare telematicamente il proprio piano di studi. Chiediamo inoltre che sia possibile per tutti gli studenti riaprire il piano di studi oltre il termine ultimo, pagando la mora, come previsto nelle altre facoltà.


internazionalizzazione

-BANDO ERASMUS: in questi due anni la nostra facoltà ha iniziato un enorme lavoro sul tema dell’internazionalizzazione. Grazie alle nostre battaglie siamo riusciti ad aprire la possibilità di fare tirocinio all’estero in molti corsi di laurea e l’apertura del bando Erasmus nel CdL di Medicina e Chirurgia già dai primi anni. Ci impegneremo affinchè si prenda seriamente in esame la situazione delle singole sedi estere e si vada incontro all’apertura di nuove mete e ulteriori posti per ognuna di loro. Proponiamo inoltre l’allargamento del bando erasmus anche agli iscritti alle professioni sanitarie.

- SNELLIMENTO PRATICHE BUROCRATICHE: a nostro avviso la gestione delle pratiche burocratiche dovrebbe essere più organizzata definendo chiaramente i compiti della segreteria studenti e del coordinatore Erasmus al fine di agevolare gli studenti. Chiediamo che gli studenti che partecipano al programma vengano messi a conoscenza degli insegnamenti convalidati con maggiore anticipo rispetto alla data di partenza; che questi siano stabiliti in modo sistematico da una commissione imparziale ed eliminando integrazioni a esami già sostenuti. Inoltre è necessario che, per ogni sede, sia disponibile un elenco di esami, con i relativi programmi, che sia facilmente consultabile.

- REGOLAMENTO ERASMUS: è necessario rendere operativo e migliorare il già esistente regolamento erasmus, al fine di favorire la libera circolazione degli studenti in entrata e uscita e tutelare il riconoscimento della didattica sostenuta all’estero.


esame di stato

Negli ultimi anni si è assistito ad un aumento consistente delle tasse per sostenere l’esame di stato. La Facoltà dovrebbe valutare la possibilità di una razionalizzazione di queste spese con l’obiettivo di una loro riduzione. Chiediamo, inoltre, l’abolizione dell’ingiustificato contributo di 200 euro introdotto per l’Esame di Stato delle Professioni Sanitarie, in quanto si tratta di un esame obbligatorio al fine di conseguire la laurea.


attività culturali

Crediamo che l’università non debba soltanto formare gli studenti in vista di un futuro lavorativo ma essere anche il luogo in cui crescere dal punto di vista sociale e culturale. Come associazione culturale universitaria abbiamo proposto attività in collaborazione con associazioni esterne e sviluppando temi di riflessione sul mondo della medicina; tuttavia crediamo che anche la Facoltà deve impegnarsi per organizzare eventi che esulino dalla didattica vera e propria.

PROFESSIONI SANITARIE

Didattica

Molto spesso si verifica che, per alcuni corsi di laurea, i docenti assegnati non conoscano né le caratteristiche della figura professionale di riferimento, né i contenuti e gli obiettivi formativi degli insegnamenti. Chiediamo quindi che la Facoltà preveda per docenti e tutor una formazione adeguata che permetta di strutturare l’insegnamento sulle peculiarità del corso. Chiediamo inoltre che ci sia uniformità pratica e teorica per il corso di Laurea in infermieristica di Ancona e quello delle sedi decentrate.

-DISTRIBUZIONE CARICO DIDATTICO/CFU: Chiediamo che i programmi dei singoli insegnamenti vengano confrontati con gli insegnamenti affini in modo da garantire una formazione più ampia e dettagliata possibile, che eviti sia sovrapposizioni che lacune. (vedi parte generale). Grazie al nostro lavoro di rappresentanti in alcuni corsi di Laurea come Logopedia è stato possibile revisionare la distribuzione di CFU per i singoli insegnamenti in modo che la didattica fosse più possibile equilibrata, facendo attenzione alla specificità del corso. Chiediamo che questo venga esteso a tutti i corsi di laurea in modo che i corsi integrati prevedano una reale affinità tra i moduli che li compongono e che il numero di crediti formativi che sia commisurati al carico didattico.


Tirocinio:

Il tirocinio dovrebbe essere un’attività realmente formativa per lo studente, poiché rappresenta indubbiamente una componente indispensabile nella sua formazione Gli studenti non devono certo rappresentare una forza lavoro che sostituisca il personale sanitario. Per questo chiediamo che i tempi di svolgimento dei tirocini siano revisionati, acquisendo prima le basi teoriche di didattica frontale, misurando in seguito l’abilità pratica attraverso l’attività di laboratorio per poi metterla in pratica infine tramite il tirocinio. -- ES. TECNICHE DI LABORATORIO

Chiediamo inoltre che l'assegnazione delle sedi di tirocinio sia organizzata e ponderata al fine di permettere, alla fine dell'a.a., l'acquisizione di competenze omogenee tra tutti gli studenti; che vengano sostituite le attività di tirocinio in alcune SOD specifiche qualora, ridondanti o non peculiari. -- ES. IGIENE DENTALE

-ELIMINAZIONE DISPARITA’ TRA LE SEDI: Come già detto nella parte generale cercheremo di eliminare qualsiasi tipo di disparità tra le sedi. La qualità del tirocinio varia inevitabilmente da una sede all'altra a causa della presenza di professionisti più o meno qualificati per il ruolo di guide; alcune sedi presentano scarsa attenzione nella cura dell'attività e di conseguenza delle possibilità di apprendimento per gli studenti. Chiediamo che il personale incaricato partecipi ad un apposito corso di formazione. -- ES OSTETRICIA Chiediamo infine che lo studente possa liberamente scegliere la sede dove svolgere il tirocinio e che nell’assegnazione delle sedi del tirocinio devono essere necessariamente presi in considerazione criteri quali vicinanza al domicilio dello studente e preferenze dello studente, con particolare attenzione nei confronti di chi non dispone di un mezzo proprio, ponendo lo studente al centro della scelta. (vedi parte generale) -- ES. TECNICHE DI RADIOLOGIA

-GIUSTIFICAZIONE ASSENZE E ORE BONUS: come previsto per alcuni corsi di laurea professionalizzante chiediamo che venga estesa a tutti l’assenza dal tirocinio giustificata per gli studenti che devono sostenere un esame o partecipare ad attività didattiche. A causa i disagi personali e collettivi è molto spesso difficile per uno studente raggiungere il monte ore totale di tirocinio. Per evitare problemi organizzativi di recupero chiediamo che la programmazione annuale dei periodi di tirocinio preveda preventivamente un periodo “bonus” da fare solo qualora sia necessario recuperare eventuali ore di assenza.

-FORNITURA DIVISE: Riteniamo necessario, per questioni di igiene e decoro, che siano fornite più divise per ciascun tirocinante. Chiediamo inoltre che vengano fornite dall’ospedale anche calzature adeguate o comunque tutti gli strumenti utili e necessari a svolgere tirocinio in condizioni ottimali.


INFERMIERISTICA

-GIUSTIFICAZIONE ASSENZA E SCAMBIO TURNO: chiediamo che sia consentita la convalida delle ore di Tirocinio in occasione del sostenimento di un esame o di altre attività didattiche per cui si ha l’obbligo di partecipazione; inoltre, per limitare quanto più possibile il numero delle assenze, intendiamo rendere possibile lo scambio alla pari tra due studenti che svolgono tirocinio presso lo stesso reparto (previa comunicazione e autorizzazione dei tutor),

-RIMODULAZIONE DELLE SKILLS : Pensiamo che per assicurare l’equo apprendimento di tutte le skills previste dal CdL, per tutta la sua durata, sia necessario l’utilizzo di un questionario da compilare al termine del periodo di tirocinio per ogni reparto dal gruppo di studenti che ha svolto servizio presso quell'unità operativa, insieme ai tutor didattici. Lo scopo è quello di individuare le skills che con più frequenza si hanno la possibilità di osservare e praticare per poi pianificare i futuri tirocini sulla base delle abilità che restano da acquisire allo studente. Non è sufficiente quindi, alternare il tirocinio tra i reparti canonici dove è richiesta la frequenza (reparti di medicina, pediatrici, chirurgici, ecc…) ma considerare anche le skills che allo studente mancano da apprendere prima della fine del corso.

-STUDENTE FUORICORSO: Intendiamo estendere agli studenti fuori corso (coloro che non hanno superato il suddetto esame) la possibilità di frequentare e sostenere gli esami dell’anno successivo in modo da alleggerire il carico didattico e portare avanti lo studio mentre si recupera il Tirocinio dell’anno perso.

MEDICINA E CHIRURGIA

Carichi didattici A fronte della riforma AFP che prevede il monte ore di tirocinio più che raddoppiato ci impegneremo affinchè il carico didattico sia adeguato alla nuova impostazione più pratica del corso di laurea. Per questo chiediamo che il carico didattico dei corsi integrati ripartiti su più semestri sia distribuito in maniera più razionale prevedendo prove in itinere o dividendo il numero di insegnamenti (es. per anatomia : locomotore, splacnologia e neurologia). Continueremo inoltre a chiedere che il carico didattico sia davvero commisurato al numero di crediti previsti dall’offerta formativa soprattutto in quegli insegnamenti che hanno ricevuto una valutazione negativa (es. otorinolaringoiatria-oftalmologia-odontoiatria).

-ESAMI DI MAGGIO E DICEMBRE: grazie alla rappresentanza della nostra Lista abbiamo ottenuto la possibilità di sostenere al termine della frequenza gli esami nella sessione di Maggio e Dicembre. Chiediamo che questo venga fatto in maniera automatica e che non sia più vincolato alla volontà del singolo docente e che l’appello di maggio sia considerato a tutti gli effetti un appello uguale agli altri, in cui si può sostenere qualsiasi esame.

-FREQUENZA OBBLIGATORIA A LEZIONE: il Gulliver è da sempre contrario alla frequenza obbligatoria a lezione. Consci dei limiti legislativi che non permettono di svincolare l’obbligo di frequenza nei corsi di laurea professionalizzante, lavoreremo affinchè la facoltà vada verso una didattica frontale sempre più libera, andando contro a tutti i sistemi di controllo che a nostro parere limitano l’apprendimento.

-II SEMESTRE DEL VI ANNO : Chiediamo che il secondo semestre dell’ultimo anno comprenda al massimo due insegnamenti, in modo da lasciare tempo libero per la stesura della tesi, anticipando le attività didattiche frontali ai semestri precedenti.


Attività formativa professionalizzante

-RIFORMA AFP: Se le normative europee hanno vincolato il monte ore totali, che quindi si è più che raddoppiato, questo non ha portato un aumento della qualità dell’attività formativa, nè tantomeno una presa di coscienza dei docenti sull’importanza e il ruolo che l’afp debba avere all’interno di un CdL come quello di Medicina e Chirurgia. Per questo chiediamo innanzitutto che le skills siano seriamente prese in esame dai tutor dei diversi SOD e che sia loro responsabilità provvedere a mettere lo studente nelle condizioni adeguate al raggiungimento di esse; inoltre chiediamo che sia migliorata l’”auletta afp” sia in termini di spazio che di attrezzature in modo che più gruppi possano effettuare tirocinio contemporaneamente in aula. Chiediamo inoltre che il nuovo sistema di valutazione tramite questionario sia preso in esame all’interno della Commissione AFP e che vengano intraprese azioni correttive in quei reparti dove vengono evidenziate delle problematiche. Ci impegneremo per migliorare la comunicazione circa l’arrivo di nuovi studenti nei reparti tra ospedale e università in modo e che siano sospese e sostituite le attività nei SOD dove non è possibile effettuarle (es. malattie infettive).

-ELIMINAZIONE SOVRAPPOSIZIONI: ci impegneremo affinchè l’attività formativa professionalizzante non sia sovrapposta a esami, lezioni, corsi monografici o qualsiasi altro impegno didattico a frequenza obbligatoria.

-ALLARGAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA: come scritto nella parte generale pensiamo che l’allargamento dell’offerta formativa possa essere un’opportunità di miglioramento della qualità dell’afp; essa però deve essere fatta garantendo dei diritti agli studenti. Il calendario afp deve infatti essere disponibile all’inizio dell’anno, in modo che ogni studente possa scegliere liberamente in quale gruppo segnarsi e quindi in quali strutture effettuare l’afp. Inoltre questa deve andare verso una diminuzione del rapporto tutor-docente in modo da aumentare l’opportunità di prendere parte ad attività pratica. Infine chiediamo che vengano stipulate convenzioni per il supporto alle spese e che i camici e tutta l’attrezzatura venga fornita dall’ospedale, come avviene per i corsi triennali delle professioni sanitarie. (vedi parte generale).

- ESAME DI AFP: crediamo che come naturale conseguenza di una formazione adeguata dello studente a svolgere l’attività formativa, vi sia un esame adeguato a rilevare la preparazione delle skills che lo studente dovrebbe aver acquisito durante il tirocinio.

-MODALITA’ DI RECUPERO: crediamo che il sistema di helpdesk della facoltà non sia un sistema adeguato per la gestione dei recuperi di tirocinio: chiederemo che questo venga riformulato a favore dell’istituzione di un preciso periodo dedicato al recupero all’interno del calendario didattico, oppure che venga data l’autonomia del recupero tramite accordo tra studente e tutor del SOD.


ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA

Didattica

Abbiamo ottenuto con l’istituzione del nuovo ordinamento, l’introduzione di nuovi insegnamenti (economia e management e odontotecnica) e una migliore distribuzione dei crediti (da 108 a 75 crediti al VI anno). Chiediamo comunque che ogni anno sia composto da 60 CFU tra attività didattiche frontali e Formative Professionalizzanti in modo che le conoscenza teoriche e le conoscenze tecniche siano distribuite in maniera equilibrata fin dai primi anni. Proponiamo, inoltre, che il tirocinio inizi a partire dal terzo anno estendendolo poi per quasi la totalità dei CFU disponibili nel sesto anno. Inoltre chiediamo che la divisione dei crediti formativi tra attività pratica e didattica frontale prevista dal piano di studi venga rispettata dai docenti. Infine crediamo che i corsi monografici debbano essere un reale arricchimento dell’offerta didattica per questo ci batteremo affinché venga ampliata la possibilità di scelta e vengano istituiti nuovi cm.

Tirocinio

- CONVENZIONI NEI REPARTI OSPEDALIERI: grazie all’introduzione della frequenza volontaria sarà possibile per gli studenti di odontoiatria frequentare liberamente i reparti dell’azienda ospedaliera Ospedali Riuniti. Vogliamo che questi siano introdotti all’interno dell’afp in modo che vengano riconosciuti come attività didattica a tutti gli effetti. A queste convenzioni andrebbero poi affiancate quelle con professionisti privati.

-ATTIVAZIONE DI UN SISTEMA A SKILLS: chiediamo che il nuovo sistema a skills previsto per il CdL in medicina e chirurgia venga proposto anche a Odontoiatria. Attualmente la partecipazione e frequenza è a discrezione degli studenti che secondo le proprie disponibilità elargiscono e somministrano terapie, anche di natura chirurgica, senza una effettiva preparazione.Proponiamo dunque un sistema basato sullo schema di un Triage: i vari pazienti verrebbero assegnati ai tirocinanti dei vari anni in funzione del grado di complessità tecnica ed operativa. Chiediamo inoltre che i tutor siano individuati all’interno della clinica universitaria e che siano formati a poter seguire gli studenti nei loro tirocini e che vengano verificati tramite l’introduzione di un questionario di valutazione

-AULA MANICHINI : come rappresentanti abbiamo lottato negli ultimi due anni affinché venissero istituiti dei nuovi manichini nell’aula predisposta al laboratorio. Dopo aver ottenuto lo stanziamento di alcuni fondi d’Ateneo per il loro rinnovo, vogliamo adesso che venga al più presto istituito un bando e che le attrezzature vengano acquistate tempestivamente.

-CONVENZIONI PER MATERIALE CLINICO : E’ inaccettabile che gli studenti di odontoiatria debbano provvedere autonomamente all’acquisto di materiali e strumenti ad uso clinico, al fine di poter svolgere l’AFP. Per questo chiederemo che l’attrezzatura venga fornita dall’università e ci impegneremo affinchè vengano per lo meno stipulate convenzioni che riducano al minimo queste spese.

-CONVENZIONI CURE ODONTOIATRICHE: Così come i docenti hanno da sempre la possibilità di ottenere cure odontoiatriche convenzionate con la clinica universitaria chiediamo che queste vengano estese anche a tutti gli studenti in modo da offrire un’assistenza agevolata e contemporaneamente garantire maggiori attività pratiche ai futuri odontoiatri.


SEDI DECENTRATE

Intenti comuni:
-CITTA’ UNIVERSITARIE: crediamo che lo studente debba interfacciarsi nel contesto universitario a tutto tondo, non solo a livello didattico ma anche a livello cittadino. ci impegneremo quindi a rendere la vita universitaria il più accessibile e fruibile possibile. per questo chiederemo che l’Università istituisca una tessera con convenzioni delle maggiori attività commerciali e di svago nelle città delle diverse sedi. -WI-FI: chiediamo che il wifi venga esteso e potenziato in tutte le sedi decentrate.

Ascoli Piceno

- SEDE : a distanza di un anno dal terremoto gli studenti di infermieristica sono costretti a frequentare lezioni all’interno di un’area non adeguata. Chiediamo, come già d’accordo, che questa sede sia soltanto temporanea e che si trovi al più presto uno spazio adeguato alle lezioni frontali.Chiediamo inoltre che vi sia un miglioramento dei servizi igienici, nei quali spesso si riscontra mancanza di carta igienica e sapone. Infine, segnaliamo la mancanza di un parcheggio per i studenti tirocinanti che sono costretti a recarsi in parcheggi lontani dall’ospedale o privati. Chiediamo la possibilità per gli studenti di poter usufruire del parcheggio dedicato al personale ospedaliero.

-TIROCINIO: Come già segnalato nella parte relativa a infermieristica, in tutte le sedi decentrate si rileva la necessità di poter effettuare scambi del turno con altri studenti all’interno dello stesso SOD. Segnaliamo inoltre la necessità di aumentare il numero di tutor.

Macerata

- SEDE:il corso di Laurea utilizza attualmente come sede delle aule all’interno di una Casa di riposo; un luogo del tutto inadeguato allo svolgimento della didattica frontale: assenza di attrezzature, di aule studio e luoghi di aggregazione. Chiediamo quindi la riapertura immediata della vecchia sede universitaria tutt’ora chiusa e inagibile. Segnaliamo inoltre l’assenza di un parcheggio per studenti nelle vicinanze della sede universitaria che sono costretti a utilizzarne uno a pagamento: chiediamo quindi che venga data la possibilità agli studenti di usufruire del parcheggio dedicato al personale della Casa di riposo.

Fermo

-SEDE: Attualmente gli studenti sono costretti in sede di tirocinio a vestirsi in uno spogliatoio incustodito e esterno all’ospedale. Chiediamo quindi che gli studenti possano utilizzare uno spogliatoio interno all’azienda ospedaliera ponendo fine a questa situazione di scarsa igiene e sicurezza.