NEWS Test di ingresso e lettera al Presidente NAPOLITANO

12 settembre 2007 | Categoria: Ateneo, Medicina, Prima Pagina

La prova del 4 settembre per l’accesso al corso di laurea in Medicina e Chirurgia è stata inficiata da troppe irregolarità: due domande formalmente annullate dal MIUR, migliaia di segnalazioni su otto altri quesiti che potrebbero risultare inesatti, segnalazioni ai giornali di brogli ed anomalie, indagini della magistratura su una vera e propria associazione a delinquere ai danni degli studenti e delle loro aspirazioni. Continuiamo a pensare che la prova debba essere annullata, spetta poi ad una decisione politica del Ministro decidere se farla ripetere o permettere, come l’UdU rivendica, l’iscrizione a tutti gli studenti partecipanti al test.

L'UdU continua quindi a promuovere il ricorso collettivo nazionale, rivolto a tutti i ragazzi che hanno partecipato al test di ammissione nelle varie facoltà di medicina e chirurgia, avente lo scopo di far dichiarare l'annullamento della prova svoltasi il 4 settembre scorso a seguito dei numerosi vizi che hanno caratterizzato l'espletamento della prova, la valutazione dei risultati e le conseguenti graduatorie formulate. Per partecipare basta leggere cosa fare su www.udu.it o scrivi ad avvocato@udu.it.

 Il test del 4 settembre và annullato, e il Ministro deve concordare con gli studenti un “patto” su una nuova legge che superi l’attuale meccanismo di programmazione degli accessi.

Per questo stiamo promuovendo una manifestazione davanti al Ministero dell’Università, in piazzale Kennedy a Roma per martedì 18 settembre alle ore 14.
 

Per info: 06-45422518

Segnala la tua partecipazione a g.paterna@gmail.com (dalle Marche); nonumerochiuso@udu.it (resto d'Italia)

Passaparola !!!! sono in gioco i tuoi diritti

 

ABBIAMO SCRITTO UNA LETTERA A NAPOLITANO..SCARICALA! 

Lettera al Presidente della Repubblica

Share

Dai un voto a questo articolo:

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: , , ,

Lascia un commento

Devi essere logged in per poter commentare.