TASSE UNIVERSITARIE: ISTRUZIONI PER L’USO

30 agosto 2015 | Categoria: Ateneo, Prima Pagina

COME PAGARE LE TASSE UNIVERSITARIE

Il pagamento delle tasse universitarie è suddiviso in due momenti:

  1. PRIMA RATA

Il pagamento della prima rata è valido ai fini dell’iscrizione all’anno accademico corrente.
A differenza della seconda rata (vedi successivamente), l’importo della prima rata è lo stesso per tutti gli studenti.
E’ possibile pagare la prima rata scaricando il MAV che ogni studente trova nella propria area Esse3web

 

  • Importo prima rata a.a. 2015/2016: 462,58 €

  • Scadenza pagamento prima rata: 5 novembre 2015 *

  • Mora per il ritardato pagamento: 50 €

 

*Per l’immatricolazione ai corsi ad accesso limitato la prima rata deve essere corrisposta prima del 5 novembre 2015 e in ogni caso nei termini indicati dai singoli bandi per l’ammissione a tali corsi.

La scadenza del 5 novembre non vale per coloro che si laureeranno nelle sessioni autunnale e straordinaria, per i quali è prevista una scadenza ritardata, successiva al conseguimento del titolo, senza il pagamento di more.

 

  1. SECONDA RATA

A differenza della prima, l’importo della seconda rata varia da studente a studente, e dipende sia dal corso di appartenenza, che dalla condizione economica dello studente (questa parte di tassazione è definita contribuzione).

Infatti, gli iscritti ad un qualsiasi corso di laurea del nostro ateneo hanno la possibilità di richiedere un’agevolazione sull’importo delle tasse universitarie, mediante la presentazione dell’apposita domanda online (c.d. domanda di tassa personalizzata, vedi paragrafo successivo).

Nel caso in cui lo studente non effettuasse la procedura, sarà automaticamente inserito nella fascia di contribuzione più alta e pagherà pertanto l’importo massimo.

La seconda rata si paga tramite MAV, scaricabile nella propria area esse3web a partire indicativamente da marzo 2016.

  • Scadenza pagamento seconda rata: 31 maggio 2016

  • Mora per il ritardato pagamento: 50 €

 

DOMANDA DI TASSA PERSONALIZZATA

E’ possibile richiedere agevolazioni sulla seconda rata sulla base della situazione economica dello studente e/o del possesso da parte dello studente di determinati requisiti e caratteristiche, attraverso la procedura online (c.d. domanda di tassa personalizzata), che sarà attiva a partire indicativamente dalla metà di ottobre nella propria area esse 3 web (esse3 → segreteria → autocertificazione).


Le agevolazioni legate alla condizione economica si basano sull’ISEE per prestazioni agevolate per il Diritto allo Studio Universitario (gli studenti stranieri con domicilio fiscale diverso dall’Italia dovranno invece richiedere l’ISEE parificato). In base al proprio ISEE, lo studente sarà collocato in una delle 11 fasce di contribuzione (l’importo delle fasce, differenziato per corso di laurea è indicato nella tabella A1 del bando).

A differenza degli scorsi anni, nella procedura non andrà inserito il valore ISEE, ma bisognerà accettare la liberatoria con cui si autorizza l’università a recuperare il valore ISEE dalla banca dati dell’INPS. Chiaramente, lo studente dovrà prima aver avviato la procedura per il rilascio dell’ISEE. Questo comporta che la data di scadenza della procedura non farà riferimento alla data di ottenimento del valore ISEE, ma alla data di protocollo della richiesta presso i CAF.

 

  • Scadenza presentazione domanda di tassa personalizzata: 21 dicembre 2015

  • Mora per la ritardata presentazione: 50 € (comunque entro il 29 gennaio 2016)

 

ATTENZIONE!! Saranno accettati solo ISEE calcolati secondo la nuova normativa. Pertanto, non potranno essere riconfermati gli ISEE calcolati antecedentemente al 1 gennaio 2015.

Per informazioni sulle agevolazioni legate a particolari condizioni dello studente o alla sua appartenenza a determinate categorie, vedi i paragrafi successivi.

 

NUOVO ISEE

A seguito dell’introduzione della nuova normativa (dpcm 159/2013), il valore ISEE non è elaborato dal CAF/professionista ma dall’INPS: una volta effettuata la richiesta e prodotta la Dichiarazione Sostitutiva Unica presso il CAF o il professionista, questi inoltreranno la richiesta all’INPS, che provvederà ad elaborare l’importo ISEE.

Secondo la normativa, questo dovrebbe avvenire in un tempo massimo di 14 giorni lavorativi. Vi segnaliamo però che spesso si è verificato che i tempi di elaborazione dell’ISEE da parte dell’INPS siano stati molto più lunghi.

Vi informiamo che anche la borsa di studio percepita dallo studente negli anni precedenti è considerata un reddito e pertanto se ne dovrà presentare adeguata documentazione (CUD 2014 relativi all’anno 2013), che lo studente potrà richiedere all’ERSU.

Inoltre, le nuove modalità di calcolo potrebbero richiedere la presentazione di maggiore documentazione, e pertanto più tempo per ottenerla e raccoglierla. Per questo vi consigliamo di informarvi  dettagliatamente sulla documentazione necessaria per l’ottenimento dell’ISEE per prestazioni agevolate per il Diritto allo Studio Universitario e di recarvi presso i CAF con congruo anticipo rispetto alla scadenza della domanda di tassa personalizzata.

Per determinate categorie di studenti, sono previste agevolazioni particolari e varie forme di esonero

ESONERI

  • Esonero totale

    » studenti beneficiari (e idonei e non beneficiari) della borsa di studio ERSU: Gli studenti rientranti in questa categoria e immatricolati nell’ a.a. 2015/2016 dovranno conseguire almeno 20 CFU entro il 10/08/2016, altrimenti saranno tenuti al pagamento del 50% dei contributi (ovvero quella quota di tasse universitarie che è definita in base all’ISEE).

    » studenti disabili con invalidità riconosciuta pari o superiore al 66%

  • Esonero totale dalla tassa di iscrizione e dalla tassa regionale per il diritto allo studio ed esonero parziale dai contributi (al 50%)

    Per gli studenti iscritti al primo anno fuoricorso, beneficiari della borsa di studio ERSU per l’ “ulteriore semestre”

  • Riduzione per studenti che perdono la borsa di studio

    Grazie alle nostre richieste, è stata introdotta la riduzione di € 100,00 della voce contributi studenteschi a coloro che rientrano contestualmente in entrambe le seguenti condizioni: 1. già assegnatari di borsa di studio regionale nell'anno accademico 2014/2015 che non usufruiscano di tale beneficio nell'a.a. 2015/2016; 2. con iscrizione in regime full time, cui venga attribuita, per l’anno accademico 2015/2016 una fascia di contribuzione superiore rispetto a quella già assegnata nell’anno accademico 2014/2015 e comunque non superiore alla quarta.

  • Esonero dalla tassa di iscrizione e dai contributi universitari con esclusione della tassa regionale per il diritto allo studio dovuta per l’intero importo, del contributo di solidarietà e del bollo (per un totale di 159 €)

    » immatricolati, per la prima volta, al primo anno di un corso di laurea o di laurea magistrale a ciclo unico che abbiano riportato la votazione di 100/100 e lode nel diploma di scuola media superiore;

    » immatricolati, per la prima volta, al primo anno di un corso di laurea magistrale che abbiano conseguito il titolo di laurea con la votazione di 100/100 e lode;

    In entrambi i casi gli studenti dovranno versare l’importo di € 159,00

  • Esonero “super bravo” per iscritti ad anni successivi al primo

    L’esonero è rivolto agli iscritti ad anni successivi al primo, che in data 10 agosto 2015 abbiano superato tutti gli esami (per le sole lauree triennali della Facoltà di ingegneria, per accedere all’esonero sarà sufficiente aver conseguito l’80% dei CFU) ed abbiano ottenuto una media superiore ad un determinato valore, indicata nella “tabella D” allegata al bando delle tasse. Per questa categoria di studenti l’agevolazione sarà graduata a seconda della media conseguita, su 5 fasce percentuali di pari ampiezza, garantendo l’esonero minimo del 20% dell’importo dovuto secondo la fascia di contribuzione assegnata con la procedura di tassa personalizzata (quindi agli  studenti con la media in assoluto più alta sarà attribuita una riduzione del 100% e a quelli con la media più bassa una riduzione del 20%).

    Il calcolo sarà effettuato dall’amministrazione e gli studenti dovranno pagare l’importo indicato nel MAV che trovano nella propria area riservata.

 

Per tutte le sopracitate categorie l’esonero sarà concesso d’ufficio e pertanto lo studente non dovrà espletare apposite procedure.

Non possono ottenere l’esonero gli studenti che siano in possesso di altro titolo di studio universitario di pari livello a quello per il quale si chiede il beneficio.

 

ALTRE AGEVOLAZIONI

  • Attribuzione in fascia minima per studenti o figli di lavoratori in cassa integrazione, disoccupazione e mobilità

    E’ prevista l’attribuzione in fascia minima di contribuzione, su richiesta, a studenti fiscalmente a carico, con almeno un genitore in stato di disoccupazione o in mobilità o in cassa integrazione ordinaria, straordinaria, in deroga, e a studenti lavoratori – non fiscalmente a carico – che si trovino nello stesso stato di crisi occupazionale. Tale stato deve persistere per almeno sei mesi nell’arco dei dodici mesi precedenti la data di presentazione della domanda di tassa personalizzata e deve essere comprovato tramite dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà. Il beneficio è concesso soltanto a coloro che possiedono un ISEE non superiore a 30.000,00 €.

  • Inclusione in fascia minima per i laureandi di luglio che terminano gli esami a febbraio (o novembre per le professioni sanitarie)

    Grazie alle nostre battaglie è stata introdotta questa agevolazione. Tutti gli studenti che termineranno gli esami entro il 28 febbraio 2016 (compresi eventuali stage) e che conseguiranno il titolo a luglio (o novembre per le professioni sanitarie) saranno inseriti in fascia minima di contribuzione (prima fascia).

  • Part time

    Gli studenti in corso (ad eccezione dei corsi di medicina, odontoiatria e professioni sanitarie) hanno la possibilità di iscriversi con la formula part time. Questo particolare tipo di iscrizione permette di avere uno sconto del 50% sulla seconda rata, ma lo studente potrà sostenere fino ad un massimo di 30 CFU. (L’importo delle fasce per gli iscritti part time è indicato nella tabella A2 del bando). Sostanzialmente, ogni anno di corso viene “sdoppiato” in due anni part time. Lo status di studente part time è acquisito per un minimo di due anni consecutivi e per un numero massimo di anni pari al doppio della durata normale del corso di studi.

  • Categorie di studenti tutelati

    Relativamente alla fascia di contribuzione di competenza dello studente verrà applicata la riduzione dei soli contributi nelle seguenti percentuali:

    » 10% a studenti che, appartenenti al medesimo nucleo familiare, siano contemporaneamente iscritti con altri fratelli o sorelle presso l’Università Politecnica delle Marche. Tale beneficio è applicato anche agli ascendenti, in presenza di una contemporanea iscrizione presso la suddetta università ad un qualsiasi corso di studio (da tale beneficio vengono esclusi gli iscritti ai master e ai corsi di perfezionamento);

    » 5% a studenti che, appartenenti al medesimo nucleo familiare, siano contemporaneamente iscritti con altri fratelli o sorelle, dei quali uno solo iscritto presso l’Università Politecnica delle Marche e gli altri presso una qualsiasi altra Università Marchigiana;

    » 10% a studenti appartenenti ad un nucleo familiare con la presenza di un solo genitore perché l’altro deceduto (studente orfano).


 

MODALITA’ DI RIMBORSO

Nel caso in cui l’ammontare dell’esonero dovesse risultare inferiore all’importo della 2° rata, lo studente dovrà provvedere a versare comunque la 2° rata per l’importo differenziale.

Nel caso in cui l’ammontare della contribuzione complessiva dell’anno dovesse risultare inferiore all’importo della 1° rata, lo studente non dovrà effettuare alcun altro versamento e dovrà attendere il rimborso. Nel caso si proceda al rimborso, la riscossione dello stesso avverrà con la modalità prescelta dallo studente nella propria area riservata (segreteria/dati anagrafici/anagrafica/dati rimborso).

Non si procederà al rimborso di somme che non superino il limite di € 12,00.


 

CONTROLLI

L’Università potrà, inoltre, svolgere accertamenti sui requisiti di accesso, sulla consistenza del reddito e del patrimonio familiare, per controllare che gli studenti si trovino effettivamente nelle condizioni di merito e economiche dichiarate ai fini della concessione del beneficio. In caso di dichiarazioni non rispondenti al vero sarà applicata una sanzione amministrativa consistente nel pagamento di una somma di importo triplo rispetto a quella dovuta per i servizi fruiti, salvo in ogni caso l’applicazione delle norme penali per i fatti costituenti reato. Inoltre lo studente perderà il diritto a beneficiare di qualsiasi altra provvidenza per il diritto allo studio universitario per tutta la durata del corso degli studi. Le dichiarazioni mendaci sono denunciate alla competente Autorità Giudiziaria.


 

IN CASO DI DUBBI E PER MAGGIORI INFORMAZIONI…

In questa guida sono state riportate le informazioni principali contenute nel Bando Tasse 2015/2016, pertanto per conoscere ulteriori dettagli o per acquisire informazioni che qui non sono indicate, prima di compilare la domanda, vi invitiamo a leggere attentamente il bando tasse: http://goo.gl/ttMZ1S (sito di ateneo →  servizi agli studenti → borse di studio e opportunità →  tasse e benefici → tasse e contributi).

 

Per chiarimenti su quanto riportato nel bando o per problemi nella compilazione della domanda on line, si può inviare un ticket al sistema di helpdesk dell’università (http://helpdesk.studenti.univpm.it) indicando come categoria “Autocertificazione ed esoneri tasse” e indicando nel messaggio matricola, nome e cognome dello studente.

Altrimenti, potete sempre passare nelle nostre aulette o contattarci su FB (Acu Gulliver Sinistra Universitaria) o per email (acugulliver@gmail.com)

Share

Dai un voto a questo articolo:

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)

Commenti non abilitati.