Posts Tagged ‘ Governo ’

Il Gulliver condanna le proteste di Universita’ Europea contro l’On. Kyenge

10 marzo 2014 | Category: Comunicato Stampa

L’Associazione Gulliver attacca fermamente le azioni e le posizioni di Univeristà Europea in merito alla partecipazione dell’On. Cecile Kyenge all’inaugurazione dell’Anno Accademico dell’Università Politecnica delle Marche. Le esternazioni, sia a livello locale che nazionale, di Università Europea degli ultimi giorni, e lo svolantinaggio contro il ministro che ha avuto luogo oggi all’interno dell’università prima dell’inizio […]



Legge Gelmini: revisione statuto e “Carta dei Diritti degli Studenti”

16 settembre 2011 | Category: Ateneo

A seguito dell’approvazione della Riforma Gelmini, tutte le Università Italiane sono state costrette a riscrivere i propri Statuti per ottemperare agli obblighi di legge attraverso l’istituzione di un apposita commissione. In questo organo sono rappresentate tutte le componenti del mondo accademico e per gli studenti sono stati riservati due dei quindici posti disponibili: per la […]



Sciopero Generale – Ancona

31 agosto 2011 | Category: Eventi, Prima Pagina

Martedì 6 Settembre 2011
ore 9.00 C.so Carlo Alberto



Il nostro tempo è adesso – 9 Aprile Ancona

4 aprile 2011 | Category: Eventi, Prima Pagina

Sabato 9 Aprile 2011
Ancona – Piazza del Plebiscito
ore 10:30



Ulteriori chiusure di corsi ad Ingegneria: grazie Ministri Gelmini!!!

2 marzo 2011 | Category: Ingegneria

Nel Consiglio di Facoltà del giorno 02/03/11 è stata decisa la chiusura del corso Magistrale in Ambiente e Territorio che verrà fatto confluire in un curriculum del corso Magistrale di Civile. I rappresentanti della Lista Gulliver hanno espresso parere contrario a tale scelta, così come avevano fatto nei giorni precedenti nelle varie Commissioni di Facoltà […]



Il nostro futuro non è ricattabile

24 gennaio 2011 | Category: Prima Pagina

Con l’approvazione della legge Gelmini il governo conclude il processo di distruzione dell’università italiana iniziato con la Legge 133. Nel nome della modernizzazione, del merito e della lotta alle clientele e al baronato si è consumata la morte dell’università pubblica italiana.
Nel nome di principi ribaltati a uso e consumo della retorica neoliberista, questo governo mette il futuro degli atenei italiani e delle nuove generazioni nelle mani dei privati, cancella il diritto allo studio, rende ancora più precari ricercatori, studenti e lavoratori.

La riforma dell’università è emblematica per comprenderela strategia di questo governo nell’affrontare la crisi economica e le sfide di un mondo sempre più globalizzato, facendo pagare i costi della crisi a chi non l’ha provocata, alle fasce sociali più deboli, togliendo loro diritti.



Come volevasi dimostrare…

10 gennaio 2011 | Category: Prima Pagina

DOPO IL TAGLIO DEI FINANZIAMENTI DECISO DA TREMONTI E CONDIVISO DALLA GELMINI… CI AUMENTANO LE TASSE!! I continui tagli al Fondo di Finanziamente destinato alle Università pubbliche italiane, inizia a far sentire i primi pesanti effetti anche nel nostro Ateneo. In sede di approvazione del Bilancio 2011, l’amministrazione ha confermato quello che il Gulliver aveva […]



Aggiornamenti Legge Gelmini

10 gennaio 2011 | Category: Ateneo

Il Presidente Napolitano firma la Legge Gelmini approvata dal Senato della Repubblica il 23.12.2010, la protesta non si ferma e continua… intanto ecco le prime conseguenze: 100€ di aumento sulla II^ rata! Al termine dell’Assemblea del 22 Dicembre scorso presso il Rettorato dell’Università Politecnica delle Marche, gli Studenti, il Personale Tecnico Amministrativo e i Ricercatori […]



A rischio l’esistenza del laboratorio di informatica (BAS)

15 dicembre 2010 | Category: Ingegneria

Come volevasi dimostrare, i primi a rimetterci sono sempre gli studenti !! I tagli effettuati dal Ministero ai fondi di finanziamento ordinari della nostra Università, ha portato il nostro Ateneo a ridurre i servizi offerti a noi studenti. Un esempio fra tutti è la riduzione dei fondi per le "collaborazione degli Studenti Part-time" (ovvero le […]



La riforma dell’Università non passa… Gelmini dimettiti!

17 ottobre 2010 | Category: Ateneo

  La riforma dell’Università non passa dal Parlamento… ora chiediamo le dimissioni del Ministro Gelmini! Il DDL Gelmini, calendarizzato per lo scorso 14 Ottobre alla discussione della Camera, non approda alla discussione Parlamentare e anche il Governo torna sui suoi passi! All’ interno del presidio tenutosi sotto Montecitorio proprio il 14 Ottobre si è svolta un’ Assemblea partecipata da […]



Inizitiva Pubblica 7 Settembre – Riforme del mondo della Conoscenza

1 settembre 2010 | Category: Ateneo

La Lista "Gulliver – Sinistra Universitaria" organizza per il prossimo 7 Settembre 2010, alle ore 21:30, presso il Cortile Interno della Mole Vanvitelliana un dibattito pubblico intitolato: "Le reali conseguenze delle Riforme del mondo della Conoscenza: parliamone con i veri protagonisti". Come riportato dai volantini in allegato, l’iniziativa rappresenta un momento di informazione delle molteplici riforme proposte dal Ministro […]



Assemblea Generale d’Ateneo – Resoconto

23 luglio 2010 | Category: Ateneo, Prima Pagina

Ricercatori, Dottorandi, Docenti, Personale Tecnico Amministrativo, Organizzazioni sindacali e Studenti vogliono ribadire, ad una sola voce, il loro giudizio sul DDL 1905/2009 (DDL Gelmini) dalla prospettiva delle loro categorie accademiche.

Già gli ultimi provvedimenti riguardanti l’Università (l. 133/08; l.1/09) non disegnano un assetto normativo degno di un Paese che voglia investire in un sistema universitario pubblico e di qualità.

Il DDL 1905 in discussione in queste settimane in Parlamento non fa che aggravare questa situazione, senza trovare soluzioni ai problemi causati dai provvedimenti citati (che in buona misura, come noto, consistono in tagli al finanziamento del sistema universitario).

Vogliamo sottolineare che la nostra contrarietà al DDL non parte da posizioni di conservatorismo dell’attuale status dell’organizzazione accademica ma, anzi, le nostre categorie sono le prime ad accorgersi di quanto sia necessaria una riforma universitaria.



Assemblea Generale D’Ateneo

16 luglio 2010 | Category: Prima Pagina

Studenti, Ricercatori, Dottorandi, Docenti e Personale Tecnico Amministrativo convocano un Assemblea per Giovedì 22 Luglio 2010 alle ore 11:00 presso l’Aula G1 della Facoltà di Ingegneria. I tagli della Legge 133, il Disegno di Legge del Ministro Gelmini (1905/2009) e la Manovra Finanziaria attualmente in discussione in Parlamento costituiscono un attacco trasversale al sistema universitario […]



Assemblea degli studenti universitari di Ancona

6 luglio 2010 | Category: Prima Pagina

Giovedi 8 Luglio
Dalle ore 13:00
Facoltà di Ingegneria

DDL Gelmini
133/08
Manovra Finanziaria
Blocco delle lezioni del prossimo A.A.
Rinvio delle sessioni di Laurea
Protesta del mondo accademico
Aumento delle tasse
Sospensione degli esami



12 Giugno – Il Governo investe l’università… Non facciamoci schiacciare!

9 giugno 2010 | Category: Prima Pagina

La manovra varata dal Governo continua ad andare nella direzione tracciata dalla L.133: solo tagli e nessun investimento per il futuro del paese.
Dopo anni di menzogne finalmente il Governo ha ammesso che la crisi esiste, non è virtuale, non è psicologica, ma è reale tanto quanto la difficoltà che il nostro Paese sta affrontando per superarla.
La situazione di emergenza, per il Governo, non è altro che l’ennesima scusa per far pagare la crisi solo ai più deboli, ai lavoratori, ai precari, ai giovani e agli studenti.
Questo governo infatti in due anni ha stravolto la scuola, l’università, la ricerca e tutto il comparto pubblico della conoscenza, ha “investito” e distrutto il futuro dei giovani e del Paese senza pensare minimamente al danno che comporta questa enorme miopia.



Protesta Ricercatori – DDL Gelmini

22 maggio 2010 | Category: Ateneo

  La Lista “Gulliver – Sinistra Universitaria” esprime la piena solidarietà alla settimana di mobilitazione promossa dai Ricercatori Universitari per protestare contro il DDL Gelmini 1905/2009. Condividendo in toto la preoccupazione in merito al progetto di smantellamento del sistema pubblico universitario intendiamo promuovere la protesta in atto affiancandoci a tutte le componenti del mondo accademico. […]



Campagna “Futuro Significa Spenderci”

3 marzo 2010 | Category: Comunicato Stampa

  L’Unione degli Universitari lancia la campagna nazionale “FUTURO SIGNIFICA SPENDERCI”. In 13 Atenei italiani oggi gli studenti dell’Unione degli Universitari denunciano le mancanze del sistema del diritto allo studio legate principalmente alla mancanza di investimenti. Affitti alle stelle e irregolari, insufficienza di borse di studio, costo dei trasporti, residenze universitarie in condizioni degradate, sono solo […]



3 Marzo – “Futuro significa spenderci”

3 marzo 2010 | Category: Ateneo, Prima Pagina

In occasione della campagna nazionale dell'Unione degli Universitari (UdU) denominata "FUTURO SIGNIFICA SPENDERCI" sul tema del Diritto allo Studio, il Gulliver organizza un azione simbolica in Piazza Roma per rivendicare l'Assistenza Sanitaria gratutita per gli studenti universitari. Le nostre ragioni risiedono nella piattaforma nazionale dell'UdU che propone un nuovo sistema di Welfare Studentesco basato sull'Articolo […]



Bilancio 2010: Primi tagli in arrivo

8 gennaio 2010 | Category: Agraria, Ateneo, Economia, Ingegneria, Medicina, Scienze

Le Università Italiane hanno appena approvato i bilanci di previsione per l’anno 2010 e anche il nostro Ateneo si trova a dover far fronte ad un taglio dei finanziamenti statali. In particolar modo la Politecnica delle Marche ha dovuto lavorare su un bilancio “d’emergenza” per trovare delle soluzioni percorribili alla decurtazione di 4 milioni di […]



Disegno di Legge Gelmini: le osservazioni degli studenti

8 gennaio 2010 | Category: Agraria, Ateneo, Economia, Ingegneria, Medicina, Scienze

Di seguito riportiamo il documento approvato unanimemente dal Consiglio Studentesco dell’UNIVPM in merito al progetto di Riforma dell’Università proposto dal Governo lo scorso Ottobre.   Visto che tale analisi è frutto della convinzione che l’Università abbia bisogno di più finanziamenti, di una valutazione della didattica condivisa con gli studenti, di maggiore trasparenza e democrazia e… […]



Dopo i tagli ecco la nuova riforma dell’Università

2 novembre 2009 | Category: Ateneo

Nè manager Nè baroni, i privati fuori dai maroni! 6 Novembre 2009 – Andiamo a dirlo al Ministro Gelmini!! Il Governo ha approvato nel Consiglio dei Ministri del 28 Ottobre 2009 un disegno di legge (ddl) di riforma dell'Università che colpisce duramente il carattere pubblico dell’Università, riduce ulteriormente gli spazi di partecipazione democratica e non […]



Berlusconi e Gelmini continuano ad attaccare l’Università

25 maggio 2009 | Category: Ateneo, Prima Pagina

Mentre l’Esecutivo taglia 8 miliardi (e 134 mila posti in tre anni) alla scuola pubblica il Parlamento impegna il governo perché nei prossimi mesi aumenti i finanziamenti alle scuole private. I promotori delle mozioni approvate dalla Camera durante la seduta dello scorso 6 maggio sanno che il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, sta predisponendo la Finanziaria per il 2010. Due delle tre mozioni che hanno incontrato il consenso dell’aula di Montecitorio, nella sostanza, chiedono dapprima di restituire alle scuole paritarie il “maltolto” (leggasi taglio effettuato con la legge finanziaria del 2009) e, successivamente, di allargare i cordoni della borsa.



Verso lo Sciopero Generale del 4 Aprile a Roma!

28 marzo 2009 | Category: Ateneo, Prima Pagina

 L’università Italiana è sempre in crisi e continua ad essere attaccata dal Governo! A seguito dei duri provvedimenti presi dal Governo nei confronti del mondo del Sapere, abbiamo deciso di rilanciare nuovamente la nostra protesta e di scendere in piazza il 4 Aprile a fianco dei lavoratori. Ed in questo periodo di crisi, siamo convinti […]



Comunicato Stampa in merito agli incidenti di Mercoledi 18 Marzo

19 marzo 2009 | Category: Comunicato Stampa

In qualità di Studenti, Cittadini e Manifestanti vogliamo esprimere la nostra più totale preoccupazione e sdegno per quanto avvenuto presso l’Università “La Sapienza” di Roma. Difatti, in occasione della giornata di mobilitazione Nazionale indetta dalla CGIL, la polizia ha fatto un uso sproporzionato e totalmente ingiustificato della violenza ed ha caricato ripetutamente gli studenti universitari […]



Il Pacchetto sicurezza spacca il Governo!

19 marzo 2009 | Category: Ateneo

Tratto da Repubblica: “ROMA – Sono arrivate a quota 170 le firme dei deputati del Popolo delle Libertà che chiedono al premier Silvio Berlusconi di non porre la fiducia sul ddl sicurezza perché nel provvedimento sono contenute "norme inaccettabili", come quella che obbliga i medici, "ma anche gli insegnanti e chiunque eserciti incarichi pubblici" a […]



Il Presidente Napolitano contro i tagli all’Università

26 febbraio 2009 | Category: Ateneo, Prima Pagina

Il Presidente Napolitano, in occasione delle celebrazioni dei 700 anni dell’Università di Perugia, ritorna con forza sui tagli all’Università dall’attuale Governo e condanna, ancora una volta, l’operato del Ministro Gelmini. E dopo aver compiuto anche un passaggio sulla Costituzione definendola in pericolo e "più volte in questi giorni messa in discussione con provvedimenti che minano […]



Manifestazione Nazionale 13 Febbraio

11 febbraio 2009 | Category: Ateneo, Prima Pagina

CONTRO I PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO! Per opporci alle politiche del Governo che sta aggredendo l’Università (La legge 133 è solo il principio…) chiediamo di non essere considerati come dei pesi per la società, ma di essere visti come una risorsa per il nostro paese!! MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA 13 FEBBRAIO  A fianco dei Lavoratori per […]



Scheda tecnica D.L. 180/08

19 gennaio 2009 | Category: Ateneo

A seguito dell'approvazione del Decreto Legge n° 180/08, sul quale abbiamo già espresso le nostre forti perplessità, abbiamo prodotto in collaborazione con l'Unione degli Universitari un fascicolo contenente un indice storico dei principali argomenti trattati dal provvedimento. Abbiamo cercato di rendere il più semplice possibile diverse argomentazioni tecniche che variano dalla procedure di reclutamento dei […]



Approvato il Decreto Legge 180

9 gennaio 2009 | Category: Ateneo, Prima Pagina

Giovedì 8 Gennaio presso l'aula della Camera è stato approvato in via definitiva il decreto Gelmini sull'università. (I voti a favore sono stati 281, i contrari 196 e gli astenuti 28.) Con questo atto il Governo ha completato quanto ha iniziato con la Legge 133, ovvero lo smantellamento dell’Università Pubblica. Difatti se da un lato […]



Sciopero Generale del 12 Dicembre – Corteo di Ancona

17 dicembre 2008 | Category: Ateneo

Venerdi 12 Dicembre, in occasione dello Sciopero Generale indetto dalla CGIL, gli studenti universitari di Ancona e di tutte le Marche hanno partecipato alla grande manifestazione che ha invaso il centro da Corso Carlo Alberto fino a Piazza Pertini dove il tutto si è concluso con un dibattito. Questo grande momento nazionale ha permesso a […]



Legge n.133 – UDU

16 dicembre 2008 | Category: Comunicato Stampa
Roma, 10 dic. (Apcom) – I consiglieri dell'Unione degli universitari hanno oggi contestato al ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca, Mariastella Gelmini, le novità contenute nella legge 133, nel dl 180 e le recenti linee guida per la riforma dell' università: la posizione critica è stata espressa al ministro durante il suo intervento in seno al Consiglio nazionale degli studenti universitari tenuto nel pomeriggio.
 
"Le abbiamo contestato l'idea malsana di diritto allo studio che sta passando nei dibattiti parlamentari, per cui il diritto allo studio viene concepito da questo governo come un debito da contrarre piuttosto che un diritto da garantire sancito dalla costituzione", ha detto al termine della riunione Giorgio Paterna, consigliere Udu e rappresentante Gulliver del Cnsu.


Il Gulliver e l’UDU dicono no al DL180

9 dicembre 2008 | Category: Ateneo


Sciopero Generale Venerdì

6 dicembre 2008 | Category: Ateneo, Prima Pagina


Anche il Papa da ragione agli studenti

3 dicembre 2008 | Category: Comunicato Stampa, Prima Pagina

Il Papa: Universita' sia indipendente dai poteri

CITTA' DEL VATICANO – La riforma universitaria deve garantire la libertà di insegnamento, della ricerca, e l'indipendenza da "poteri economici e politici": lo ha detto il papa, precisando che l'università non deve "perseguire interessi privati approfittando di risorse pubbliche".  "La validità di una riforma universitaria – ha detto papa Ratzinger parlando ad un gruppo di studenti e docenti dell'Università di Parma – non può che avere come riscontro la sua libertà: libertà di insegnamento, libertà di ricerca, libertà dell'istruzione accademica nei confronti dei poteri economici e politici. Questo non significa – ha aggiunto – isolamento dell' Università dalla società, né autoreferenzialità, né tanto meno perseguimento di interessi privati approfittando di risorse pubbliche"



Documento del Consiglio Studentesco

27 novembre 2008 | Category: Ateneo, Prima Pagina
Ecco la lettera approvata, a maggioranza, dallo scorso Consiglio Studentesco in merito alla Legge 133/08:
 
All’On. Ministro Mariastella Gelmini

Al Presidente della Commissione Istruzione del Senato
Sen. Guido Possa

Al Presidente della Commissione Cultura della Camera
On. Valentina Aprea

Ai componenti del Consiglio Universitario Nazionale

Ai componenti del Consiglio Nazionale Studenti Universitari

 
Considerato l’art. 16 della legge 133/08, in merito alla possibilità che gli atenei pubblici possano trasformarsi in fondazioni di diritto privato;

Considerati i tagli sul FFO previsti nell’art. 66 della legge 133/08;

Considerato che con il blocco del turn over, previsto all’art. 66 della legge 133/08 si avranno notevoli problemi nell’erogazione e nella qualità della didattica;

Considerate le mozioni approvate nelle assemblee studentesche;

Si  ritiene


Manifestazione Nazionale a Roma

8 novembre 2008 | Category: Eventi, Prima Pagina

14 NOVEMBRE 

MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA

Protesta di tutte le componenti per l'UNIVERSITA' LIBERA, PUBBLICA E DI QUALITA'!!

Per prenotarti (stiamo ragionando in base ai partecipanti se prendere autobus o treno):

  • visita il blog: assembleano133.blogspot.com
  • manda un e-mail a: assembleano133@gmail.com
  • passa in uno dei banchetti informativi o presso l'aula polifunzionale di Ingegneria che rimane occupata dal "movimento no 133" in maniera permanente.

assembleano133.blogspot.com



Ennesima risposta di Comunione e Liberazione al CONSIGLIO NAZIONALE

6 novembre 2008 | Category: Ateneo, Prima Pagina
Estratto della seduta del Consiglio Nazionale degli Studenti (organo massimo di rappresentanza studentesca a livello nazionale presieduto e "governato" dagli esponenti di Comunione e Liberazione/Student Office) relativo alla LEGGE 133:
Roma, 3 Novembre 2008

A seguito della odierna seduta del CNSU in cui è stato votato a maggioranza in un aula semideserta (con 12 rappresentanti su 30) un documento in cui si condannano le mobilitazioni degli studenti universitari contro la legge 133/08 e i tagli al sistema universitario nazionale:



Continuiamo la protesta…

30 ottobre 2008 | Category: Ateneo, Prima Pagina

Dopo la "costituzione" dell'Assemblea Generale d'Ateneo, che si contraddistingue per la sua apartiticità e lontananza da particolari movimenti, la Lista Gulliver – UdU ha deciso di portare avanti la protesta all'interno dell'Assemblea stessa.

Infatti, le mobilitazioni organizzate fino ad oggi sono frutto dell'impegno di tutti gli studenti che hanno deciso di gridare con forza il loro "no" alla Legge 133 ed in particolare agli articoli 16 e 66

Per cui riteniamo, in questo momento, che la cosa più opportuna sia rinunciare a simboli e bandiere per  lavorare in maniera più costruttiva possibilie e allargare il fronte della protesta.

Quindi, invitiamo gli studenti a visitare anche il blog costituito per l'occasione dove riporteremo i comunicati stampa dell'Assemblea:

assembleano133.blogspot.com



Manifestazione degli Studenti Medi ad Ancona, Giovedì 30 Ottobre

30 ottobre 2008 | Category: Comunicato Stampa

 

Manifestazione degli Studenti Medi ad Ancona, Giovedì 30 Ottobre

Comunicato stampa

L'Assemblea Generale d'Ateneo dell'Università Politecnica delle Marche aderisce con forza alla manifestazione indetta dalle rappresentanze studentesche degli studenti medi per oggi, 30 ottobre 2008. La nostra scelta è dovuta alla forte convinzione che l'istruzione debba essere difesa a tutti i livelli; perciò, scendiamo in piazza assieme agli studenti medi, esprimendo la nostra più sentita solidarietà in questi giorni di forte contestazione.

Durante l'occupazione, l'Assemblea ha più volte espresso le stesse preoccupazioni che hanno portato il mondo della scuola a scendere in piazza in tutta Italia; oltre questo senso di solidarietà, la nostra presenza oggi è motivata anche dalla ferma intenzione di informare gli studenti medi della situazione che troveranno una volta iscritti all'università se la legge “Tremonti” n°133/08 non dovesse essere abrogata



Manifestazione 28 Ottobre Ancona

30 ottobre 2008 | Category: Ateneo, Comunicato Stampa
29 ottobre ’08

 L’Assemblea Generale d’Ateneo dell’Università Politecnica delle Marche, dopo aver svolto nella giornata di ieri, martedì 28 ottobre 08, un corteo che ha coinvolto più di mille partecipanti attraverso tutte le facoltà del polo di Montedago ed aver occupato l’aula polifunzionale, prosegue i lavori di sensibilizzazione ed organizzazione della protesta, con le seguenti modalità:

  • In mattinata verranno contattati i docenti di ogni facoltà, al fine di proporre loro la possibilità di svolgere delle lezioni in piazza, constatata la volontà della maggior parte di essi a sostenere la ns. azione. Sottolineiamo a questo proposito la ferma intenzione di non interrompere le lezioni, intraprendendo un contemporaneo percorso di autoformazione
  • Nel pomeriggio, verrà effettuata una distribuzione di volantini in tutta la città di Ancona, al fine di coinvolgere e sensibilizzare l’intera popolazione locale

Intanto, nella giornata di oggi, 29 ottobre 08, rimane occupata la facoltà di ingegneria con un presidio permanente disponibile a fornire chiarimenti a chiunque fosse interessato, continuando comunque ad occuparsi dell’organizzazione dei prossimi momenti di mobilitazione.

Visti alcuni articoli e/o commenti pubblicati su diverse testate giornalistiche, l’Assemblea intende ribadire la sua natura apartitica, democratica e completamente indipendente da qualsiasi associazione studentesca, sindacale o di qualsiasi altra natura.

Assemblea Generale d’Ateneo dell’Università Politecnica delle Marche

WWW.ASSEMBLEANO133.BLOGSPOT.COM



Dichiarazioni folli di Berlusconi!

23 ottobre 2008 | Category: Prima Pagina

"Non arretreremo di un millimetro, andremo avanti nella direzione lungamente meditata"

"Non solo non saranno permesse occupazioni (che siano di università o di licei) ma i contestatori stiano attenti perché le forze dell'ordine sono pronte a intervenire"

 A fronte di queste inaccetabili intimidazioni fatte dal Presidente Berlusconi, che evidentemente si è scordato del ruolo istituzionale che ricopre, intendiamo rivendicare anche con maggiore forza e volontà il nostro diritto a manifestare e a portare avanti la battaglia per un sapere libero e di qualità.

Inotre riteniamo ancor più gravi le parole del Premier a causa della totale mancanza di responsabilità politica e sociale che ha mostrato poiché, in un momento cosi delicato, l'apertura al dialogo e al confronto è l'unica strada percorribile.



Documento prodotto dal Gulliver in occasione dell’Assemblea di Ancona indetta dai sindacati

9 settembre 2008 | Category: Ateneo, Comunicato Stampa

  ALLE SEGRETERIE PROVINCIALI DEI SINDACATI FLC-CGIL CISL UNIVERSITA’ UILPA-URAFAM   ALLE RSU DELL’UNIVERSITA’ POLITECNICA DELLE MARCHE ALLE RSU ENTI PUBBL. DI RICERCA ALLE RSU ISTITUTO MUSICALE PAREGGIATO PERGOLESI   AL MAGNIFICO RETTORE DELL’UNIVERSITA’ POLITECNICA DELLE MARCHE PROF. MARCO PACETTI p.c.  AI MEZZI DI INFORMAZIONE LORO SEDI   Ancona, lì 18.07.2008 Con la presente la lista […]



La Storia del Decreto-Legge n.112

9 settembre 2008 | Category: Ateneo, Prima Pagina

Fin da subito il nuovo governo ha voluto continuare il macabro lavoro di smantellamento del mondo del sapere iniziato dalle precedenti legislature. Infatti,  ha subito inserito nell’agenda dei lavori lo sconvolgimento del mondo Universitario attraverso lo sconcertante piano di Tremonti.

Difatti il Decreto-Legge n.112, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 25 Giugno, è stato presentato come “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico” ma tra gli altri provvedimenti, mette le mani in modo pesante nelle tasche dell’Università Italiana.

Uno degli aspetti più gravi è la possibilità per gli Atenei di diventare fondazioni universitarie, oltrechè un turnover tra pensionamenti e assunzioni del corpo docenti pari al 25% per i primi tre anni (ogni 5 docenti che vanno in pensione se ne assume uno)  e pari al 50% nell'andare avanti. Sempre in tale decreto-legge è contenuto un progressivo taglio ai Fondi di Finanziamento Ordinario agli Atenei per un ammontare complessivo di 1 miliardo e mezzo di euro dal 2009 al 2013, tale da far pensare che si voglia costringere gli Atenei a rivolgersi ai privati per andare avanti.

Questo significa che se le cose non cambieranno avremo da qui a tre anni Fondazioni private che sostituiscono gli Atenei con aumenti indiscriminati della contribuzione studentesca, numero chiuso nella stragrande maggioranza delle Facoltà, perchè diminuisce il rapporto che lega il numero dei docenti agli studenti; rapporto determinante per la scelta del numero chiuso come strumento di limitazione degli accessi, senza considerare tutto quello che deriva da un passaggio da pubblico a privato in un settore così delicato come quello della formazione e della conoscenza.

Se i lavori parlamentari atti a convertire il DL in Legge riusciranno a cancellare queste parti riguardanti l'Università che sono aberranti, non potremo far finta che non sarà successo nulla ma dovremo discutere tutti sulla necessità del carattere pubblico dell'Università italiana, ma se invece il panorama prospettatoci dovesse rimanere tale all'indomani della discussione parlamentare saremo, come sempre, pronti a rimboccarci le maniche per continuare a credere e a difendere un'Università… LIBERA, PUBBLICA E DI QUALITÀ!



Primi risultati dei tagli sulla scuola…

22 agosto 2008 | Category: Prima Pagina

Iniziano a vedersi i primi risultati dei tagli sulla scuola che il nostro caro governo promuove per ridurre gli sprechi… e chi meglio delle persone più indifese da colpire??? La notizia è di quelle che fanno riflettere: colpire i bambini ammalati gravemente togliendo loro il diritto allo studio è una cosa vergognosa!!!

 www.ansa.it


Il nero che…riavanza!

6 agosto 2008 | Category: Prima Pagina
Ieri in Parlamento un dato economico allarmante, la ripresa chiara del "nero", indicatore di tale situazione il crollo del 7% dell'IVA. Gli italiano son tornati al loro caro vizietto, l'evasione fiscale. 
Non esiste più nessuna scusa dietro cui i votanti del centrodestra si possono irresponsabilemnte nascondere. 


Il Governo Berlusconi penalizza i precari e legalizza il “Caporalato Aziendale”

26 luglio 2008 | Category: Prima Pagina

Verrebbe voglia di chiedersi se quella fetta consistente di italiani che gli ha consegnato il Paese si è resa conto che danno enorme ha fatto all'Italia e ai giovani..adesso che nessun partito di "sinistra" siede in Parlamento non resta che stringersi attorno ai sindacati e chiedergli di fare fino in fondo il loro dovere! Le […]



Assemblea Nazionale del 22 Luglio a Roma indetta dai Sindacati del Mondo Universitario

23 luglio 2008 | Category: Ateneo, Comunicato Stampa

Nella giornata di Martedi 22 Luglio si è tenuta a Roma un'assemblea di carattere nazionale indetta dai vari Sindacati del mondo dell'Università.

Il Gulliver ha partecipato attraverso una propria delegazione ed è riuscito ad intervenire nei lavori assembleari attraverso l'intervento della Coordinatrice Nazionale dell'UdU-Sindacato degli Studenti Federica Musetta. 

Precisamente l'intervento dell'unica rappresentante degli Studenti ha evidenziato le possibili conseguenze del Decreto n.112 facendo particolare riferimento ai momenti di protesta e mobilitazione che avverranno da qui a Ottobre in tutte le Università Italiane.



Efficienza energetica :Il Governo Berlusconi distrugge quel poco di buono che era stato fatto…

19 luglio 2008 | Category: Prima Pagina
Stavolta il Governo Berlusconi l’ha fatta proprio grossa, o almeno ci sta provando. Il 10 luglio, infatti, ha presentato un emendamento che prevede l’eliminazione dell’obbligo dell’attestato di certificazione energetica negli atti di compravendita o locazione degli edifici esistenti.
Oltre al danno la beffa per tanti imprenditori, operatori, neolaureati e studenti di ingegneria che hanno dedicato gli ultimi 2 anni di studio e lavoro formandosi per lavorare nel settore della certificazione energetica. Un passo indetro assurdo e senza alcuna motovazione, in palese violazione della direttiva comunitaria in materia.
 


Un’altra delle pagine vergognose della piccola italietta è stata scritta!

16 luglio 2008 | Category: Prima Pagina

Non si devono odiare poliziotti e carabinieri perchè rappresentano lo Stato o portano una divisa, ma si devono rispettare e ammirare le persone che rischiano anche la vita per compiere un lavoro come il loro..ma quando succedono cose come Bolzaneto, la Diaz, l'omicidio di Federico Aldrovandi..l'errore più grosso dello Stato è nascondere le responsabilità ed i colpevoli di questi reati..la mancanza di rispetto verso chi porta la divisa in alcuni casi nasce da queste situazioni, come sempre gli errori di pochi vengono pagati da tutti..

Non era la "punizione" degli imputati il cuore del processo per le violenze di Bolzaneto. Quel processo doveva dimostrare (e ha dimostrato in modo inequivocabile, a nostro avviso) che può nascere senza alcuna avvisaglia, anche in un territorio governato dalla democrazia, un luogo al di fuori delle regole del diritto penale e del diritto carcerario, un "campo" dove esseri umani – provvisoriamente custoditi, indipendentemente dalle loro condotte penali – possono essere spogliati della loro dignità; privati, per alcune ore o per alcuni giorni, dei loro diritti e delle loro prerogative.



Come distruggere la Scuola: tagli al pubblico e fondi al privato, come ha chiesto il Papa…

12 luglio 2008 | Category: Prima Pagina
Se il mondo universitario aspetta la prossima mossa il mondo della Scuola è già stato messo sottosopra.. 
 
Classi da 33 alunni e tagli allo stipendio per chi si ammala. La scuola, più che ad un autunno caldo, si prepara ad un autentico tsunami. Per ammodernare la macchina scolastica italiana, il governo Berlusconi agirà essenzialmente su due leve: le riforme di sistema e la razionalizzazione delle risorse.


Un nuovo pericolo per l’Università

11 luglio 2008 | Category: Prima Pagina

Fin da subito il nuovo governo ha voluto continuare il macabro lavoro di smantellamento del mondo del sapere iniziato dalle precedenti legislature.

Infatti, tra meno di una settimana, sarà discusso in parlamento il catastrofico progetto di Tremonti.

Il Decreto-Legge n.112, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 25 Giugno, prevede, tra l'altro, la possibilità per gli Atenei di diventare fondazioni universitarie, oltrechè un turnover tra pensionamenti e assunzioni del corpo docenti pari al 25% per i primi tre anni (ogni 5 docenti che vanno in pensione se ne assume uno)  e pari al 50% nell'andare avanti. Sempre in tale decreto-legge è contenuto un progressivo taglio ai Fondi di Finanziamento Ordinario agli Atenei per un ammontare complessivo di 1 miliardo e mezzo di euro dal 2009 al 2013, tale da far pensare che si voglia costringere gli Atenei a rivolgersi ai privati per andare avanti.



Berlusconi ha riaperto la sua personale “guerra” contro i magistrati

17 giugno 2008 | Category: Prima Pagina

Evitare una condanna mentre è a palazzo Chigi. Non correre "un inutile rischio" nella consapevolezza che i magistrati del processo Mills "stanno fissando un'udienza a settimana" e che molto probabilmente l'esito del procedimento, previsto per settembre, non sarebbe favorevole. http://www.canisciolti.info/news_dettaglio.php?id=14825   Silvio Berlusconi ha riaperto la sua personale 'guerra' contro i magistrati. "Vogliono la mia […]



Le tre figure nell’attuale scenario politico

16 giugno 2008 | Category: Prima Pagina

Domenica, 15 giugno 2008 Il soldato come questurino, il giudice come chierico, il giornalista come laudatore… Le tre figure di questo scenaio politico nell'editoriale di Scalfari. http://www.articolo21.info/notizia.php?id=6926   La parrucca del re sole (Eugenio Scalfari, Repubblica)   «Berlusconi vuole dimostrare che per governare la crisi italiana è costretto per necessità a separare lo Stato dal […]



Sapienza, blitz fascista: ma per il governo fu rissa

29 maggio 2008 | Category: Prima Pagina

«Davvero non ci siamo. l'informativa del sottosegretario Mantovano sull'aggressione neofascista alla Sapienza, lascia l'amaro in bocca». lo dice Rosy Bindi che aggiunge: «Preoccupa una lettura che tende a minimizzare i fatti e che può suonare come una sorta di giustificazione della violenza: le responsabilità maggiori finiscono per ricadere sui vertici dell'università e sui giovani dei […]



Il Decreto Mussi ” Blocca Contenziosi” rinvia la sentenza del Tar

3 dicembre 2007 | Category: Ateneo, Comunicato Stampa, Prima Pagina

COMUNICATO STAMPA DELL'UNIONE DEGLI UNIVERSITARI

 In 29 Novembre si è tenuta udienza dinanzi al Tar del Lazio, e a seguito dell’emanazione di un penalizzante decreto ministeriale a soli quattro giorni dall’udienza, il collegio giudicante della III bis ha rinviato al fine di consentire l’impugnazione del decreto stesso da parte dell’Udu: l’udienza si svolgerà il 20 dicembre. L’emanazione di un nuovo decreto, che fra l’altro non è ancora stato reso pubblico, e la mancanza di trasparenza riscontrata nell’iter dei lavori della commissione che ha redatto i quesiti ci inducono a pensare che da parte del Miur  manchi ad oggi la volontà di agire nel rispetto dei principi di buona amministrazione.

 



Appello dell’Unione degli Universitari per martedì 18 settembre

14 settembre 2007 | Category: Ateneo, Prima Pagina

L'Unione degli Universitari lancia un appello per l'adesione alla manifestazione del 18 settembre davanti al Ministero dell'Università per chiedere l'annullamento dei test di Medicina in tutta Italia

Sottoscrivi l'appello!!

Tutte le adesioni

 

Per il Libero Accesso ai Saperi, contro ogni numero chiuso!



Inaccettabili le dichiarazioni di Mussi. Pronti al sit-in… “ANDIAMOGLIELO A DIRE!”

13 settembre 2007 | Category: Ateneo

La lista di rappresentanza studentesca “Gulliver – Sinistra Universitaria” che opera nell’Ateneo dorico ritiene inaccettabile la dichiarazione di Mussi a palazzo Chigi di mercoledì scorso.I test di medicina e odontoiatria devono essere annullati, e se questa decisione non verrà dal Ministro ce la conquisteremo con il ricorso nazionale al Tar, che ha visto fino ad adesso circa 10.000 adesioni.

I test vanno annullati, la L. 264/99 va abrogata e vanno trovati nuovi meccanismi di selezione che siano nel rispetto del concetto comunitario di accesso programmato e non dell’italianissimo numero chiuso.



Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari

12 luglio 2007 | Category: Ateneo, Prima Pagina

PRIMA SEDUTA DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI

 Si è svolta nei giorni di martedì 26 e mercoledì 27 la prima del seduta del C.N.S.U..
Nel primo giorno di seduta il Ministro Mussi è stato presente avviando una discussione con i consiglieri eletti nella lista UdU-Liste di Sinistra, i quali hanno fatto presente la urgente necessità della rivisitazione del DPCM 2001, legge nazionale che disciplina l'erogazione dei servizi ERSU, ancorata tra l'altro ancora ai dati ISTAT del '99. Tra questi interventi, il nostro consigliere del Gulliver, Giorgio Paterna, ha inoltre consegnato le cartoline firmate da 500 studenti del nostro Ateneo che intitolavano "Mussi, ridacci i soldi !!", chiedendo al Ministro di consegnarle al Ministro dell'Economia Padoa Schioppa nel prossimo Consiglio dei Ministri, in cui si discuterà il Dpef. 



CL ama la Moratti

23 aprile 2007 | Category: Prima Pagina

Da “il Rivoluzionario”

 

(giornale di Studentoffice)

 

Vista la recente insistenza con cui la Lista Studentoffice aggredisce la Sinistra Universitaria Gulliver in merito a ormai passati temi di politica universitaria, vorremmo ricordare agli stessi rappresentanti di Studentoffice cosa si trova scritto sul loro organo ufficiale in merito a due temi:

1.  il Dl Moratti (quello che recentemente ha portato in piazza 100.000 studenti, ricercatori e docenti universitari

2.  il numero chiuso

 

Da  il Rivoluzionario” Anno 1 numero 0 :

·      DDL Moratti (pagina 2 ): “da una prima occhiata si evince che si accorciano i tempi per chi aspira ad una carriera accademica”“questo disegno di legge faciliterebbe la competizione scientifica, il ricambio interno e lo scambio di personale con il mondo esterno””dobbiamo lasciare al legislatore le condizioni per poter operare liberamente”

·      Numero Chiuso (pagina 2): ”gli Atenei devono stabilire con maggiore realismo il numero di studenti che sono in grado di formare””una chiara indicazione di metodo per la scelta riguardo l’istituzione o meno dei numeri chiusi”…

 

Questa è la posizione di Studentoffice emersa a fine 2004 in tempi non sospetti (lontano cioè dalle Elezioni Universitari che si terranno a Marzo 2006). Una posizione favorevole sul Dl Moratti e addirittura l’auspicio ad utilizzare il numero chiuso laddove serva, anche nel nostro Ateneo…l’odierno silenzio sul DL Moratti e le insistenti provocazioni sulla nostra presunta incoerenza come si spiegano?

 

Semplice: a  Marzo si Vota…

 

Gulliver-Sinistra Universitaria



Le nostre iniziative

19 aprile 2007 | Category: Ateneo

In tutta Italia centinaia di migliaia di studenti universitari, docenti, ricercatori e personale amministrativo si stanno mobilitando contro il peggior "Ministro" dell’Università che si ricordi: Letizia Moratti. La Moratti è una incompetente – irresponsabile che rischia irreparabilmente di distruggere il sistema universitario nazionale.   Il "Ministro" Moratti sta preparando un’altra riforma che secondo il parere […]



I problemi del numero chiuso

19 aprile 2007 | Category: Ateneo, Prima Pagina

La riforma Zecchino/Berlinguer ha già indebolito il ruolo dei Rappresentanti degli Studenti, relegando di conseguenza tutta la categoria degli studenti in una specie di "riserva indiana".
Inoltre non siamo coinvolti dagli organi istituzionali in una discussione trasparente sulla ormai certa Riforma Moratti, l’ennesima "sperimentazione" sempre e solo sulla pelle degli studenti.

La Riforma Moratti si sta dimostrando il cavallo di Troia per far entrare il numero chiuso nella nostra Facoltà.

Il Consiglio di Facoltà ha infatti stabilito che dal prossimo Anno Accademico verrà introdotto il numero chiuso al CL Ingegneria Informatica e dell’Automazione (150 iscritti, gli altri verranno deportati a Fermo, sede universitaria del nostro Ateneo, dove potranno seguire lo stesso corso) ed Ingegneria Edile – Architettura vedrà ridotti gli accessi da 144 a 100.

Perchè?
Per non poter assumere altri docenti a causa del taglio dei fondi che il Governo Berlusconi (?) ha effettuato. La Moratti ha emanato nel 2001 i criteri per il finanziamento governativo dei corsi universitari, criteri che fissano un massimo di studenti (150 immatricolati per i corsi di primo livello) per un determinato numero di docenti (7); superare tale massimo, anche di una sola unità implica o l’assunzione di altri docenti (per riequilibrare i parametri) o istituire il numero chiuso in quel corso. In un momento come questo in cui sicuramente l’Università non ha i fondi per assumere altri docenti, la scelta della Facoltà è stata quella di tagliare i corsi. La Lista Gulliver da sola si è opposta nel CdF del 13 Aprile a tale scelta, successivamente ha svolto un’assemblea interna dei propri rappresentanti durata dalle 20.00 del 14 Aprile alle 04.00 a.m. (presso la nostra sede di via Saffi) , ed il giorno 15 Aprile ha ribadito la sua posizione in Senato Accademico, presentando anche una serie di soluzioni alternative, all’istituzione del numero chiuso, soluzioni che seppur ritenute dal Senato "intelligenti" sono state bocciate. Ad oggi sono emerse speranze che almeno per Ingegneria Informatica si possa fare marcia indietro, o perlomeno applicare un criterio meno "barbaro" di quello temporale (i primi 150 ad Ancona, gli altri a Fermo).

Cosa ci aspettiamo nel prossimo futuro?
La Riforma Moratti lascia mano libera agli Atenei sul numero chiuso, e questo ovunque si sia già verificato è significato aumento delle tasse universitarie (matematico, se diminuiscono gli studenti… si alzano le tasse). I problemi che la nostra Facoltà ha incontrato sul rapporto docenti/studenti si ripresenteranno il prossimo anno, e le vittime che dovranno sacrificarsi saremo sempre e solo noi studenti, i docenti lo stipendio (bello alto) lo prendono comunque.

Hanno paura del Gulliver?
Questo verrebbe da pensare a seguito del comportamento assunto dalla Facoltà, i CCL (consigli corso di laurea) di Edile – Architettura e di Informatica non si sono riuniti per discutere di numero chiuso, a nostro avviso per non metterci la pulce nell’orecchio, visto che i due CCL menzionati sono quelli in cui Gulliver ha il maggior consenso. Il clima inoltre che ha caratterizzato il CdF ( in cui si è approvato il numero chiuso) era tale da sembrare che "tutti sapevano tutto" tranne noi, diversamente non si spiegherebbe come siamo stati gli unici a opporci. Ci chiediamo a chi giovi questa situazione. Noi studenti, guardando l’attuale modello di società, pensiamo che i titoli di studio conseguiti non ci daranno quelle garanzie di stabilità e sicurezza economica che invece hanno caratterizzato le precedenti generazioni di ingegneri. La dislocazione in sedi decentrate, di molti corsi di Ingegneria, ha già tolto dalla tutela dei rappresentanti un elevato numero di studenti, in molti casi senza diritti, relegati ad una "università di serie B" rispetto alla sede di Ancona (a cui va riconosciuta una situazione in molti casi positiva). Senza spazi studio, senza vita sociale, senza voce. Per uscire da questo vicolo cieco serve il coinvolgimento a livello decisionale degli studenti, diversamente si accentuerà il clima di tensione già presente all’interno della nostra Facoltà. Un primo segno di distensione lo ha fatto il Preside garantendo la riunione della Commissione Paritetica per la Didattica, prima di ogni futuro CdF.

Ma studentoffice??
E chi li ha mai sentiti, non hanno fatto alcun intervento a difesa dei futuri studenti nel CdF incriminato, anzi hanno votato a favore del provvedimento preso. I loro rimarcati apprezzamenti della Riforma Moratti li hanno già invisi a numerosi studenti, la collaborazione, tra liste, che loro spesso auspicano su cosa può essere basata? Ci hanno denigrato quando abbiamo pacificamente contestato l’On. Casini sul sottofinanziamento statale all’Università Italiana ( Inaugurazione Anno Accademico), ci hanno lasciati soli in CdF e in Senato Accademico, quando in entrambe le occasioni hanno votato a favore del numero chiuso. Non hanno battuto ciglio quando in CdF abbiamo chiesto, come rappresentanti degli studenti, maggior partecipazione alle decisioni.

Rimboccarsi le maniche o soccombere!
Non vi è altra strada, tutti gli studenti simpatizzanti del Gulliver devono aiutarci, lasciarci soli in questo momento darebbe una forte mano a chi in Facoltà vuole tapparci la bocca. Partecipate quindi a tutte le iniziative che organizzeremo e soprattutto fatevi vivi per iniziare a creare le future generazioni di rappresentanti. E’ in momenti come questi che si deve prendere coraggio e mettersi a disposizione di chi da 15 anni, da solo, difende i diritti dei più deboli. Questa è la battaglia principe, se ci scolliamo adesso è finita.



I danni di Zecchino

19 aprile 2007 | Category: Ateneo, Prima Pagina

Riforma Universitaria 3+2

Il nostro giudizio a due anni dalla sua applicazione

A più di due anni dall'avvio della riforma dei cicli di studio, molti sono ancora i punti critici. Le perplessità che, come Lista Gulliver, avevamo prima dell'attuazione sono state in molti casi confermate: pochi i fondi dati alle Università prospettive di aumenti anche consistenti delle tasse, senza che a ciò corrispondesse un adeguato potenziamento dei servizi, un generico peggioramento dei diritti degli studenti celato dietro la confusione del transitorio.

In questo momento di paventata controriforma (Moratti), la cosa più ragionevole è lasciare all'Università il tempo necessario per dare completa applicazione al processo riformatore introdotto nel 1999, nonostante alcune contraddizioni che ha in sé; solo in una fase successiva si possono indicare proposte migliorative e definitive di correzione della Riforma stessa che tengano conto delle problematiche emerse in questo periodo di sperimentazione. Riteniamo infatti che qualsiasi cambiamento intervenga in questo momento creerebbe solo confusione per gli studenti.

Analizziamo gli aspetti cruciali della Riforma attuale che più interessano gli studenti

Numero di esami: nonostante vi sia un limite massimo per il numero di esami attivabili in molti casi questo è stato in realtà superato con la divisione in moduli, spesso uniti tra loro non da reali motivi didattici, ma da fittizi calcoli matematici. Ciò porta ad un aumento del numero delle prove da sostenere senza però dare una preparazione organica e completa sia per chi vuole accedere alle Lauree specialistiche, sia per chi vuole affacciarsi al mondo del lavoro.

Didattica e Commissioni Didattiche Paritetiche: E' necessario un continuo monitoraggio sull'applicazione della riforma (revisione dei programmi, sincronizzazione con i programmi delle lauree specialistiche, spendibilità delle lauree triennali nel mondo del lavoro) attraverso un serio lavoro delle commissioni paritetiche per la didattica, organi che non funzionano e se si riuniscono lo fanno una volta l'anno. Pertanto auspichiamo e ci batteremo affinché il loro effettivo potere d'incidenza aumenti, con forme non solo consultive! Il Presidente di ogni commissione paritetica deve essere uno studente!

Materiale didattico: le problematiche sui programmi si riflettono inoltre immediatamente sui libri di testo e sui materiali offerti; spesso all'attivazione di nuovi corsi non è seguita la creazione di alcun materiale didattico. D'altra parte, anche per i corsi già esistenti, spesso il materiale fornito non è adeguato al numero dei crediti (ad es: libro di 800 pagine per un corso da 6 crediti) o non più al passo con i tempi. E' necessario che l'Ateneo si adoperi per una presa di posizione forte e decisa affinché il corpo docente si impegni a coprire tali mancanze, proponendo anche forme di materiale didattico più dinamiche ed efficaci (e meno costose!), ad esempio dispense, cd-rom e soprattutto la possibilità di scaricare appelli e materiale didattico da internet, direttamente dalle pagine web del docente o del suo istituto/dipartimento.

Lauree di II Livello: si trovano ancora allo stato embrionale è necessario intraprendere al più presto un lavoro concreto per una loro definizione che salvaguardi il livello della formazione offerta, rendendo il titolo specialistico altamente spendibile nel mondo del lavoro. E' importante soprattutto che questo processo avvenga in continua collaborazione con la componente studentesca, che è il soggetto protagonista dell'Università: il processo di definizione delle lauree deve partire dal basso e non essere imposto dall'alto.

Programmi dei corsi: spesso sono stati semplicemente modulati da quelli del vecchio ordinamento o, all'estremo opposto, sono stati vittime di tagli selvaggi che ne hanno svalutato il valore didattico. Inoltre l'aggiornamento dei medesimi è legato alla volontà del docente ed alla sua capacità di interagire con internet. È necessario che in tutte le Facoltà le Commissioni Didattiche vigilino realmente sui contenuti dei corsi.

Tirocini: sono una grande possibilità per entrare in contatto con il mondo del lavoro, ma presentano ancora numerosi problemi: laddove manca un contatto serrato tra Università e azienda è alto il rischio che gli stages si riducano ad esperienze di manovalanza. È quindi necessario che le Facoltà si dotino di strutture apposite con compiti sia di collegamento tra domanda-offerta che di controllo sull'effettiva consistenza dei progetti intrapresi.

Conclusioni: riteniamo fortemente negativo sia l'impatto che la riforma ha avuto sulla qualità della didattica, sia la diminuzione di vivibilità all'interno di alcune facoltà causata da una gestione discutibile del transitorio da parte della classe docente e dal crescente disinteresse degli studenti del N.O. soprattutto per quel che concerne i loro diritti e tutto ciò che esula dal seguire le lezioni e sostenere gli esami.



I danni della Moratti

19 aprile 2007 | Category: Ateneo, Prima Pagina

Il Ministro Moratti non poteva proprio evitare di mettere le mani anche sull'Università… e così oltre a dilettarsi nel tagliare i fondi agli Atenei ha ben pensato di gettarli nuovamente nel caos… con una controriforma degna della propria cultura politica: una selezione che, conoscendo le radici della nostra cara Ministra (Comunione e Liberazione e Opus Dei) non può essere darwiniana, ma che in realtà lo sembra.

Ma vediamo in breve come viene modificato l'assetto del sistema universitario:
Si introduce il famoso modello a Y nella laurea di primo livello: un primo anno comune (corrispondente a 60 crediti formativi) e poi una selezione con la diramazione nei due percorsi, uno professionalizzante e uno metodologico.
Poi ci sarà un'ulteriore selezione alle specialistiche (ribattezzate Lauree Magistralis). Esse saranno riservate agli eccellenti, e se c'era qualche speranza di combattere il numero chiuso ora il Ministero dà il preciso ordine agli atenei di "stabilire per ogni corso di laurea magistralis, specifici criteri di accesso che prevedono, comunque, il possesso di requisiti curriculari e l'adeguatezza della personale preparazione verificata dagli atenei, con modalità definite nei regolamenti didattici.", modifica che sottolinea in senso maggiormente restrittivo l'indicazione presente nell'attuale testo.

Sono già preannunciate modifiche alle Classi di Laurea con un conseguente cambiamento nei contenuti dei corsi e una nuova ondata di caos nei piani di studio. Ci vogliono gettare in un ulteriore e interminabile periodo transitorio… con una divaricazione radicale della triennale sullo stile della riforma della scuola (qualcuno si professionalizza e va a lavorare, qualcun altro acquisisce competenze di base e continua negli studi).

E i tempi della controriforma?
Il testo della controriforma è difatto composto da una serie di emendamenti al DM 509, il decreto che istituiva la riforma Zecchino, meglio nota come 3+2. Basta che il Ministro licenzi un nuovo Decreto Ministeriale (DM) che emenda quello precedente per poter modificare l'assetto universitario. Per poter emanare questo DM c'è bisogno dei pareri di CUN, CRUI, CNSU, CNVSU, Commissione Istruzione di Camera e Senato, Consiglio di Stato.Per ottenere questi pareri possono essere necessari da 3 mesi a 6 mesi. Per cui potrebbe accadere che venga approvato prima dell'estate.

E quindi???
Sta a noi ora cercare di capire al più presto come muoverci negli atenei per ridare la parola agli studenti: non sarà la "selezione in stile Moratti" a risolvere i problemi aperti dall'applicazione della riforma Zecchino, devono essere gli atenei a rimboccarsi le maniche per rivedere la riforma e offrire a tutti una preparazione dignitosa e una didattica di qualità.

Al Governo spetta di finanziare l'Università, non di continuare a gettarla nel caos.



Mozione Visco-Bersani Senato

23 marzo 2007 | Category: Ateneo, Prima Pagina

 

 

Al Magnifico Rettore dell’Università Politecnica delle Marche

Prof. Marco Pacetti
 

Ai membri del Senato Accademico
 

Ai membri del Consiglio di Amministrazione

   

 

CONSIDERATO CHE

 

L’applicazione del decreto “tagliaspese” Visco-Bersani del luglio scorso, prevede l’obbligo per gli Atenei di restituire al Ministero dell’Economia una quota significativa dei finanziamenti ricevuti dallo Stato per il funzionamento degli Atenei stessi;

A seguito di precedenti Decreti legge del 2002 e del 2005, che vincolavano le Università italiane alla riduzione delle spese per il proprio funzionamento, l’Ateneo ha già restituito all’erario diversi milioni di euro, con conseguenti gravi problemi per l’equilibrio complessivo del proprio bilancio.

RITENUTO CHE

Il “decreto tagliaspese” sia gravemente lesivo dell’autonomia garantita all’Ateneo dall’art. 33 della Costituzione, che comprende anche gli aspetti finanziari e gestionali;
 

Per l’Università la contrazione potrebbe comportare effetti negativi sui laboratori, sulle biblioteche e sulla disponibilità di aule negli stabili in affitto;

Dare corso agli adempimenti previsti dal decreto (contrazione delle spese per funzionamento del 20% per il triennio 2007-2009) impedirebbe all’Ateneo di adempiere i propri doveri istituzionali nella didattica, di garantire servizi adeguati agli studenti e pregiudicherebbe il mantenimento della ricerca su standard qualitativamente dignitosi, rendendo altresì impossibile una chiusura in pareggio dei bilanci nei prossimi anni;

Fermo deve essere il rifiuto di ogni aumento della contribuzione studentesca per sopperire alla carenza di finanziamenti;

Dall’applicazione di tale decreto debbano essere escluse, come già previsto per le istituzioni scolastiche e le Aziende ospedaliere, anche le Università, gli Enti di ricerca e gli Enti per il diritto allo studio universitario.

VISTO 

L’assoggettamento nella legge 248/2006 già agli enti per il diritto allo studio universitario con conseguente riduzione dei servizi essenziali per gli studenti quali borse, mense e alloggi;

La posizione dell’ Università degli Studi di Roma Tor Vergata , dell’Università degli Studi di Padova e dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

 

CHIEDE CHE

Il Senato Accademico ritenga pertanto impossibile versare per il momento quanto previsto dal decreto “tagliaspese”. Da tale versamento, di riduzione dei fondi disponibili per il funzionamento dell’Ateneo, deriverebbe come conseguenza l’impossibilità per l’Ateneo stesso di adempiere ai propri doveri istituzionali;

  

Ancona, li 15.12.2006

Il Senatore Accademico

per la Lista Gulliver – Sinistra Universitaria

                                 (Alessandro Betonica)