Parere bando collaborazione studenti part-time - 20/06/2016


photo_2016-06-21_16-00-19photo_2016-06-21_16-00-24

Con la presente si esprime il parere della Lista Gulliver - Sinistra Universitaria al bando di collaborazione per gli studenti part-time.

In seguito all’incontro tra i responsabili degli uffici amministrativi e i rappresentanti degli studenti in Consiglio di Amministrazione, esprimiamo un parere favorevole al bando transitorio che uscirà nelle prossime settimane.

Nonostante ciò, chiediamo che le seguenti osservazioni siano implementate nel bando 2016/2017, per superare finalmente le criticità che in questi anni non sono state ancora risolte.

Chiediamo di togliere l’articolo 2 del bando (“Tali posizioni amministrative sono calcolate a partire dall’anno di prima immatricolazione in assoluto presso qualsiasi Università, ovvero dall’anno in cui lo studente ha avuto accesso per la prima volta al sistema universitario; nel caso di iscrizione alla laurea magistrale a ciclo non unico viene preso in considerazione l’anno di accesso per la prima volta al secondo livello. ”) che taglia fuori, senza motivo, tutti quegli studenti che per vari motivi hanno cambiato corso di studi.

Permettere a tutti gli studenti iscritti al primo anno della laurea magistrale di poter fare domanda, indipendentemente dal tempo di completamento del primo ciclo, utilizzando gli stessi criteri di merito attualmente utilizzati per gli studenti del primo anno ammessi.

Permettere di mantenere la posizione in graduatoria a tutti quegli studenti che effettuano la domanda iscritti alla laurea triennale e a seguito del conseguimento del titolo si iscrivono presso una laurea magistrale del nostro Ateneo. Crediamo che questo possa anche rappresentare un ulteriore incentivo a proseguire gli studi presso il nostro Ateneo.

Inserire nella categoria degli studenti “tutelati” anche quegli studenti che hanno un genitore in cassa integrazione o in stato di disoccupazione.

Chiediamo che negli anni seguenti si individui una data di uscita del bando e che questa sia improrogabile.

 


Condividi sui social