Programma Facolta' di Economia


Indice

  1. Esami
  2. Corsi sdoppiati o triplicati
  3. Organizzazione dei Semestri
  4. Materiali
  5. Esami parziali
  6. Tutorato
  7. Applicazione Riforma dei Crediti
  8. Orientamento
  9. Segreteria Studenti
  10. Strutture
  11. Studenti Disabili
  12. CSAL
  13. Lingua Inglese
  14. Comunicazione
  15. Apertura Serale
  16. Test d'Ingresso
  17. Sede distaccata San Benedetto

Sono ormai due anni che i cambiamenti imposti dalla “Legge Gelmini” sono entrati stabilmente in vigore, alla complessa riforma statutaria sono seguite le riforme di tutti i consigli e le commissioni. La già complessa situazione è stata aggravata dal continuo avvicendarsi dei Governi e dei Ministri, lasciando spesso le Università in balia di singoli decreti poco trasparenti e di complessa attuazione.

In questi anni abbiamo vigilato sulla corretta attuazione delle modifiche, portando la voce degli studenti in tutti gli organi, ribadendo ogni volta la centralità delle nostre necessità. Come se tutti i tagli e le forzature imposte dalla Legge Gelmini non fossero stati sufficienti, nel corso dello scorso anno è arrivato il decreto soprannominato “AVA” (Autovalutazione, Valutazione Periodica e Accreditamento), trasposto direttamente da un documento ANVUR (Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca). In questo documento sono stati elencati una serie di parametri quantitativi e qualitativi per valutare le Università Italiane. Per l’ennesima volta attraverso questo provvedimento si è cercato di limitare ed indebolire l’Università pubblica andando ad individuare con semplici parametri numerici, come numero di docenti e relativo settore di riferimento o numerosità dei corsi, la salubrità di un Ateneo e la conseguente decurtazione di fondi. Questa misura, unita al blocco delle assunzioni, ha di fatto reso molto oneroso il mantenimento dei corsi ed ha portato molte Università ad inserire numeri programmati, si è iniziato quindi a limitare l’accesso ai gradi più alti dell’istruzione a molti ragazzi. Come se non bastasse, un altro parametro utilizzato per la valutazione è stato quello della numerosità dei fuoricorso, che di pari passo con la de-regolazione sulla tassazione, ha spinto gli Atenei ad aumentare la disparità tra gli studenti invece che spingerli a ridisegnare l’offerta formativa.

Il 14 e 15 Maggio 2014 avranno luogo le elezioni universitarie per il rinnovo dei rappresentanti degli studenti e, come sempre, ci presentiamo con un nostro programma elettorale spiegando nel dettaglio le tematiche di cui intendiamo occuparci per continuare a difendere i diritti degli studenti.



ESAMI

Pubblicazione delle date degli appelli: L’articolo 20, comma 12, del Regolamento Didattico di Ateneo prevede che le date degli esami debbano essere rese note 60 giorni prima dell’inizio della sessione. Tuttavia accade spesso che tale termine non venga rispettato dai professori, impedendo così agli studenti una organizzazione ottimale dello studio.   
Come abbiamo sempre fatto,
continueremo a vigilare affinché questo termine sia effettivamente rispettato e a chiedere che la Facoltà prenda seri provvedimenti nei confronti dei docenti che continuino a non pubblicare le date per tempo.  

Certezza del giorno in cui si sostiene l’esame: Lo studente ha il diritto di conoscere con certezza la data in cui sosterrà l’esame. Chiediamo, quindi, che al momento della pubblicazione della data d’esame il docente indichi i giorni, riferiti sempre allo stesso appello, in cui proseguirà lo svolgimento dell’esame (nel caso in cui un solo giorno non sia sufficiente).

Numero di appelli: Spesso lo studente, pur avendo a disposizione 7 appelli, non riesce ad usufruirne realmente a causa di sovrapposizioni tra esami, ritardi nell’uscita dei risultati, elevato numero di materie in un semestre, ecc… Pertanto, oltre a lavorare sui vari fronti per impedire che questi problemi si ripresentino in futuro, chiediamo che il numero di appelli sia portato ad 8, come previsto nella Carta  dei Diritti degli Studenti elaborata dal Consiglio Studentesco.

Giorni di distanza tra gli appelli: Affinché gli studenti possano preparare e pianificare gli esami in modo ottimale, chiediamo che il risultato degli esami scritti sia pubblicato entro 5 giorni dalla data in cui si è sostenuto l’esame e che intercorrano almeno 10 giorni di distanza tra i risultati dell’appello precedente e la data di quello successivo. Ci impegneremo inoltre affinché tali forme di tutela vengano inserite nel regolamento didattico.

Salto d’Appello: Per agevolare l’organizzazione del percorso di studio degli studenti è indispensabile garantire la possibilità di ripetere l’esame in tutti gli appelli disponibili, sia in caso di assenza che di rifiuto del voto. Come abbiamo già fatto in queste ultime sedute del Consiglio di Facoltà tramite i nostri rappresentanti, continueremo a  segnalare la violazione dell’articolo 21 del Regolamento Didattico di Facoltà che dispone che ogni studente ha il diritto di sostenere ogni appello delle sessioni di esame previste.


CORSI SDOPPIATI O TRIPLICATI

Per alcuni esami il cui numero di studenti è molto elevato, le classi vengono divise in base all'iniziale del cognome in due (A-L; M-Z) o in tre (A-E; F-O; P-Z) corsi. Grazie al nostro lavoro nelle commissioni e in Consiglio di Facoltà, siamo riusciti ad ottenere uno studio statistico che dimostra, in maniera oggettiva, che vi sono disparità di trattamento tra le classi e che, per alcuni esami, sono profondamente marcate. Non è accettabile che uno studente subisca discriminazioni in base all'iniziale del cognome! Al momento, l'unica soluzione a disposizione degli studenti per aggirare tale problema, è di presentare una richiesta di “cambio del docente” al Preside della Facoltà. E' chiaro però che questa è una soluzione tampone che non va a risolvere il problema alla fonte. Per i prossimi anni, forti dei dati sopracitati e delle continue richieste di cambio di docente pervenute al Preside,, proseguiremo questa battaglia, continuando a sottoporla con fermezza negli organi d’Ateneo, affinché la Facoltà prenda finalmente dei provvedimenti. Non ci basta che lo studente abbia la possibilità di aggirare questo problema, ma vogliamo che esso sia risolto definitivamente!



ORGANIZZAZIONE DEI SEMESTRI

Talvolta i semestri di uno stesso anno non sono organizzati in maniera ottimale per gli studenti, in alcuni casi è stata rilevata una diseguaglianza nella distribuzione del carico di studio tra i due semestri (es: al secondo anno del corso di Laurea Triennale sono previste 3 materie al I semestre e 5 al II. Chiediamo che siano riorganizzate in modo tale che ve ne siano 4 in ciascuno.
In altri casi, materie che sarebbero necessarie per preparare adeguatamente lo studente ad a
ffrontare i corsi del primo semestre, si trovano invece al secondo. Ci impegneremo a vigliare che vi sia una migliore organizzazione degli insegnamenti e a proporre interventi correttivi.


MATERIALI

Libri di testo adottati: Affinché gli studenti riescano a gestirsi e programmare il proprio percorso di studio nel migliore dei modi, chiediamo che i libri di testo adottati dai docenti vengano comunicati ad inizio anno e che la Biblioteca d’Ateneo se ne procuri tempestivamente una copia. Spesso inoltre, i libri di testo scelti non sono adeguati al carico di studio richiesto, causando così difficoltà nello studio ed ostilità verso la materia, specialmente tra gli studenti dei primi anni. Chiediamo, quindi, che la scelta dei testi venga adeguata al programma ed al carico di studio richiesti.

Pubblicazione On-Line del materiale di supporto ai corsi: Chiediamo che tutto il materiale di supporto ai corsi sia obbligatoriamente reso reperibile on-line, tramite e-learning. Questo mezzo indispensabile per tutti gli studenti, permetterebbe di risparmiare soldi e quantità di carta stampata, e risulta facilmente accessibile attraverso i supporti sempre più diffusi ed in particolare sarebbe di grande aiuto per coloro che non riescono a frequentare le lezioni, come gli studenti lavoratori (in continuo aumento). In  particolare richiediamo che venga resa obbligatoria la pubblicazione on-line di: materiale proiettato o distribuito a lezione; risultati degli esami sostenuti; prove d’esame dell’anno corrente e degli anni passati, con relative soluzioni; testi e materiale delle esercitazioni.

ESAMI PARZIALI

Proponiamo che, a metà novembre e a metà aprile, venga previsto un breve periodo di sospensione delle lezioni, dedicato allo svolgimento di prove d’esame parziali. Tali esami rappresenterebbero una prova di verifica intermedia sulla parte di programma svolta a lezione fino a quel momento (parte di programma che, in quanto già valutata, NON formerebbe oggetto di verifica dell’esame vero e proprio da sostenere a fine corso nei normali appelli). Chi non dovesse sostenere queste prove (infatti, la possibilità di avvalersi dei parziali è completamente subordinata alla volontà dello studente) dovrebbe affrontare l’esame sull’intero programma nelle normali sessioni d’esame. Riteniamo infatti che i “parziali”, metodo in uso in molti Atenei, alleggerendo il carico di studi finale, rappresentino un valido aiuto agli studenti nel gestire gli esami.


TUTORATO

Grazie al lavoro dei rappresentanti della Lista Gulliver in consiglio di Facoltà, siamo riusciti ad ottenere una rimodulazione dei corsi di tutorato previsti per ogni materia in modo da garantire più ore per per quelli più seguiti, relativi ad esempio ad insegnamenti che prevedono esercizi. Riteniamo comunque che il servizio debba essere ampliato e monitorato costantemente per controllarne l’effettiva utlità ed  adeguarlo alle reali necessità degli studenti.


APPLICAZIONE RIFORMA DEI CREDITI

La Facoltà ha applicato la nuova normativa sul numero dei crediti degli esami che sono quindi passati da 5 e 10 CFU a 6, 9 e 12 CFU. Continueremo a vigilare affinché il carico di studi effettivo sia proporzionato al nuovo numero di CFU assegnati all’esame (ogni CFU, infatti, corrisponde per legge ad una mole di studio di 25 ore) e che i programmi degli insegnamenti siano adeguati in tal senso.

Inoltre, riteniamo fondamentale che agli studenti che hanno nel proprio piano di studi gli esami da 5 e 10 CFU venga garantito il diritto di essere valutati nel rispetto del programma previsto prima della riforma, proporzionalmente ai crediti assegnati.


ORIENTAMENTO

L’offerta formativa della nostra Facoltà prevedere una triennale unica (con possibilità di “specializzarsi” attraverso gli esami a scelta del terzo anno) e poi la possibilità di scegliere un percorso più specifico per quanto riguarda i corsi di Laurea Magistrale.

Porteremo negli organi di Facoltà la proposta di prevedere delle giornate di orientamento rivolte principalmente ai ragazzi iscritti al secondo anno, in procinto di scegliere gli esami del terzo, per poter dare maggiori informazioni sul contenuto delle singole materie e sulla loro attinenza e utilità per i percorsi formativi successivi, in modo che gli studenti possano definire in maniera ottimale il piano di studi.

SEGRETERIA STUDENTI

Chiediamo che anche nella Segreteria della nostra Facoltà venga introdotto un sistema di “elimina code”, già presente ad Ingegneria. Tale sistema è tanto semplice nell’utilizzo, quanto utile agli studenti che ne usufruiscono: infatti lo studente avrebbe la possibilità di prendere un numero e utilizzare il tempo di attesa del proprio turno dedicandolo allo studio e/o alle lezioni, controllando lo stato della fila attraverso i monitor (già) installati nella Facoltà.  Inoltre questo permetterebbere di risolvere anche i vari problemi legati alla sicurezza degli studenti fermi per le scale o lungo la strada antistante la segreteria studenti.


STRUTTURE

Wi – fi: La rete wi-fi presente nella nostra Facoltà non è assolutamente all’altezza del servizio richiesto dagli studenti. L’uso della rete sta diventando parte sempre più integrante dello svolgimento di alcune lezioni, oltre ad essere un supporto indispensabile per chi studia in Facoltà. Inoltre l’accesso avviene quotidianamente non soltanto tramite computer, ma anche attraverso dispositivi mobili (smartphone, tablet). Chiediamo quindi che questo servizio fondamentale venga potenziato e migliorato in modo da coprire le reali esigenze degli studenti.

Esse3web: Il passaggio dalla vecchia Area Riservata al nuovo sistema di gestione informatica Esse3web ha causato non pochi disagi agli studenti: spesso è addirittura risultato impossibile iscriversi agli esami o presentare in tempo il proprio piano di studi. Nel caso in cui queste problematiche dovessero persistere, ci  impegneremo al fine di garantire tutti i servizi previsti.

Stampe: In ottica di un potenziamento del materiale di supporto ai corsi pubblicato On-Line, riteniamo fondamentale che anche il numero di stampe disponibili per ciascuno studente venga potenziato, evitando così ulteriori costi a carico degli studenti, già gravemente colpiti dalle tasse universitarie.   

Distributori: Nonostante le numerose segnalazioni fatte già in passato, è inammissibile che ancora esistano differenze di prezzo tra i distributori situati nei dipartimenti (ad uso dei professori) e quelli a disposizione degli studenti. Vogliamo dunque che si applichi l’effettiva parità dei prezzi. Chiediamo inoltre che vi sia almeno un distributore a disposizione degli studenti in tutti i momenti della giornata.

Parcheggio: I posti previsti nel parcheggio di Facoltà non sono assolutamente sufficienti. Gli studenti sono costretti a lasciare l’automobile nei posti a pagamento esterni alla Facoltà per non perdere ore di lezione, o per non ritardare all’esame. Crediamo che sia necessaria una convenzione con strutture esterne (ad esempio la struttura vicino all’ex Umberto I) in modo da aumentare la i posti a disposizione dei numerosi studenti che ogni giorno raggiungono la Facoltà in automobile.

Inoltre, dopo aver ottenuto l’apertura serale della Facoltà fino alle 21:30, chiediamo che sia possibile accedere anche al parcheggio fino a quell’ora.

Bagni: Le condizioni in cui versano i bagni della Facoltà sono inaccettabili: questi sono spesso malfunzionanti e sporchi, ed emanano un cattivo odore. Troviamo queste situazioni inadeguate ed inaccettabili per uno studente che passa tutta la giornata nei locali della Facoltà. Chiediamo, quindi, che la Facoltà si impegni a riparare i sanitari malfunzionanti e a garantire delle condizioni igieniche migliori vigilando sulla pulizia.

Raccolta differenziata:  Dopo aver vinto la nostra battaglia per l’installazione di cestini per la raccolta differenziata nel cortile, riteniamo che i contenitori adottati non siano affatto adeguati e che rendano piuttosto complicato il rispetto della raccolta. Chiediamo che la Facoltà si impegni a considerare la raccolta differenziata fondamentale in un’Università Pubblica e che si muova in questa direzione migliorandone il servizio.


STUDENTI DISABILI

Gli studenti disabili hanno spesso difficoltà ad utilizzare in maniera ottimale le strutture della Facoltà. Ad esempio, nelle aule di grandi dimensioni, i posti ad essi riservati si trovano sempre in fondo, impedendo di seguire la lezione nella maniera migliore, e, sempre nelle stesse aule, per essi è difficoltoso scendere gli scalini senza il supporto di un corrimano nei corridoi laterali.

Dopo le ore 19:00 il portone della Facoltà viene parzialmente chiuso rendendo difficile e spesso impossibile l’uscita per gli studenti con disabilità motorie, creando ancora una volta differenze tra studenti. Inoltre, l’autobus che ferma di fronte alla Facoltà, mezzo indispensabile per tutti gli studenti con difficoltà motorie, effettua un numero troppo esiguo di corse. Continueremo, come abbiamo sempre fatto, a denunciare questi problemi negli organi della Facoltà e sorveglieremo affinché queste situazioni vengano immediatamente risolte.  

           

CSAL - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO

Non si perde occasione di ricordarci quanto le nostre generazioni abbiano gravose lacune riguardanti la conoscenza delle Lingue e riteniamo che l’Università, anche se organo di Istruzione superiore, debba cercare di sopperire a questa mancanza, specialmente in presenza di pratiche virtuose, quali l’introduzione di un’intera Laurea Magistrale in Lingua Inglese nella Facoltà di Economia.

Lo CSAL, Centro Supporto Apprendimento Linguistico di Ateneo, offre utili e numerosi servizi, quali la possibilità di accedere gratuitamente ai corsi di lingua, anche in vista della preparazione di una certificazione riconosciuta a livello internazionale. Tuttavia questi corsi vengono svolti in concomitanza con le lezioni e non sono pubblicizzati nel migliore dei modi, risultando quindi poco partecipati.

Proponiamo che gli orari dei corsi proposti dallo CSAL vengano ripensati e riformulati, in modo da non sovrapporsi con gli orari di lezione, e che vi sia anche un rimodulamento del sito web in modo da rendere tutto più chiaro ed intuitivo.


LINGUA INGLESE

Gli esami di Lingua previsti dal piano di studi nella Laurea Triennale risultano spesso insufficienti al fine di ottenere una preparazione personale adeguata; si potrebbe perciò prevedere, affiancato a questo, anche la possibilità di inserire, tra gli esami a scelta del terzo anno, un’ampia gamma di insegnamenti svolti in lingua, in modo da poter permettere agli studenti a conseguire maggiori abilità linguistiche, utili sopratutto per un eventuale proseguo degli studi orientato in tal senso.

Ci auspichiamo, infine, che la Laurea Magistrale interamente in Lingua Inglese, non sia soltanto uno strumento pubblicitario della Facoltà, ma che risulti davvero un’opportunità per gli studenti. Sarà quindi fondamentale la presenza di docenti stranieri, o comunque sarà necessario garantire che lo svolgimento dei corsi in inglese da parte dei docenti italiani non porti a una diminuzione della qualità dell’insegnamento.


COMUNICAZIONE

Durante l’anno, nella nostra Facoltà e in generale nei locali dell’Ateneo, vengono organizzate numerose attività culturali. Tuttavia la comunicazione e la pubblicità di questi eventi è insufficiente e molto spesso gli studenti non riescono nemmeno a venirne a conoscenza . Proponiamo che la Facoltà adotti un sistema di mailing-list per comunicare, almeno una volta a settimana, a tutti gli studenti, docenti, personale tecnico, ecc…, le attività culturali organizzate da tutte le strutture presenti (dipartimenti, associazioni studentesche, ecc…) in modo da raggiungere un numero più ampio di persone.

Similmente, riteniamo ormai necessario che la facoltà integri e migliori il suo sistema di informazione su avvisi, nuovi bandi, scadenze, notizie importanti. Lo svilupparsi della tecnologia potrebbe far sì che oltre all’utilizzo del sito web e del nuovo profilo FB, l’Università inizi ad implementare una “app” per smartphone in modo da far arrivare le informazioni, con il minimo sforzo, a sempre più studenti.


APERTURA SERALE

Anche se abbiamo ottenuto, negli anni passati, un prolungamento dell’orario d’apertura della Facoltà, non riteniamo comunque soddisfacente il servizio offerto. Nonostante le aule studio con accesso esclusivamente dal cortile siano 4, soltanto una di queste rimane aperta fino alle 21:30 costringendo gli studenti presenti nella altre aule a spostarsi o ad andare a casa per mancanza di posti.

Non c’è nessuna giustificazione valida dietro questa scelta e ci impegneremo affinché ci sia la possibilità di tenere aperte tutte le aule studio con accesso dal cortile e che l’orario di apertura venga ulteriormente prolungato, come già avviene in altri Atenei italiani ed europei. L’università infatti, deve erigersi anche a luogo di condivisione e crescita per gli studenti, dando loro la possibilità di poter studiare insieme specialmente negli orari liberi da lezioni od altri corsi aggiuntivi.


TEST D’INGRESSO

Consapevoli che l'ipotesi del numero chiuso rimane una delle soluzioni più gettonate all'interno del mondo accademico, (ipotesi che ogni anno viene riproposta sia per le Lauree Triennali che Magistrali), continuiamo a ribadire la nostra contrarietà ad ogni forma di selezione! Pur non potendo eliminare la presenza di Obblighi Formativi in ingresso, in quanto obbligatori per Legge, proponiamo che la frequenza del corso di recupero sulle materie del test sia sufficiente per considerare superati gli OFA per coloro che non abbiano ottenuto una votazione sufficiente al test, senza la necessità di effettuare ulteriori prove che andrebbero soltanto a complicare il normale svolgimento del percorso di studio.

SEDE DISTACCATA DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO

Da sempre riteniamo che gli studenti iscritti nella sede distaccata di San Benedetto debbano avere gli stessi diritti e le stesse opportunità degli studenti iscritti nella sede centrale di Ancona.

Seguendo questo principio siamo riusciti ad ottenere, lo scorso anno, con il lavoro negli organi di Facoltà, che fossero istituiti i corsi di tutorato anche nella sede distaccata, in modo da garantire anche lì questo fondamentale servizio.

Continueremo ad impegnarci nei prossimi anni per far sì che i servizi previsti per la sede distaccata vengano implementati, sia quelli interni che esterni alla Facoltà, in modo da garantire a tutti gli studenti uguali diritti, senza distinzione per il corso scelto.