La storia della Legge n.133 - Ex Decreto n.112


Prima di tutto, rispetto alla prima”edizione” del fascicolo informativo, in questo caso ci troviamo a parlare di una Legge vera e propria che ha ormai concluso il suo iter parlamentare e che possiamo identificare come Legge n.133 del 6 Agosto 2008.

Come si può facilmente notare, la scelta di discutere un provvedimento cosi importante, e riguardante l’Università, nel periodo di Agosto rappresenta già di per se un argomento di discussione e di critica non indifferente. E’ evidente che qualsiasi forma di contrarietà o miglioramento a tale decreto non è stato preso minimamente in considerazione nel momento in cui l’informazione è venuta totalmente a mancare e non è stato dato il tempo di reagire alla parti coinvolte.

Ma la situazione sta cambiando...

I vari componenti del mondo accademico si stanno risvegliando dal lungo torpore che li aveva caratterizzati in questi ultimi anni, e in tutta Italia stanno proliferando iniziative e forti prese di posizione contro la Legge.

I docenti  per primi sono sul piede di guerra e hanno preannunciato scioperi e azioni di protesta, cosi come il personale tecnico amministrativo che  si trova anche nella difficile posizione di dover firmare il contratto nazionale.

Allo stesso modo Dottorandi e Ricercatori si sono fatti carico del provvedimento e hanno espresso il loro appoggio al fronte del “no”, allargando cosi la partecipazione e l’informazione a riguardo.

Ora è venuto il momento anche per noi studenti di, prima di tutto informarci, e poi azionarci per riuscire a respingere questo letale attacco all’Università!

Negli altri atenei si stanno organizzando ugualmente, anche in base alla partecipazione degli studenti, dei momenti di discussione per poi sfociare in mobilitazioni locali e le più svariate forma di protesta.

Quindi anche in Ancona, abbiamo programmato una serie di eventi da qui al 17 Novembre con l’obbiettivo di riuscire a riaprire la discussione della Legge e far capire alle istituzioni che il popolo Universitario è vivo e lotterà per difendere l’Università PUBBLICA E DI QUALITA’!!

[download id=21]

[download id=22]


Condividi sui social